GBA4iOS: l’emulatore rimosso su richiesta di Nintendo

di Lorenzo Paletti Commenta

gba4ios

Qualcuno pensava davvero che l’emulatore Game Boy per iPhone GBA4iOS sarebbe durato più di qualche settimana. Nintendo, che non intende portare i suoi brand sugli schermi degli smartphone di tutto il mondo, punta la pistola alla tempia dello sviluppatore dell’app con una richiesta basata sul Digital Millenium Copyright Act e fa sparire l’applicazione da GitHub.

A scriverlo è The Next Web, che spiega come la notizia sia comparsa sull’account Twitter di Riley Testut, creatore del software. Testut aveva annunciato che l’applicazione avrebbe continuato a funzionare normalmente, ma i download in-app sarebbero stati sospesi momentaneamente. L’applicazione, invece, è completamente scomparsa.

L’ultimo aggiornamento di GBA4iOS era arrivato lo scorso febbraio, con l’aggiunta del supporto a iPad, le skin per i pad e il supporto ai controller di iOS 7, oltre all’integrazione con Dropbox e un browser in-app che permetteva di accedere a siti con rom di giochi scaricabili. L’emulatore era in grado di aggirare le restrizioni di App Store, potendo essere installato su iPhone direttamente da browser.

Apple, in precedenza, ha preso dure posizioni nei confronti degli emulatori, e per questa ragione Testut è stato costretto a cercare una soluzione alternativa ad App Store per fare arrivare il suo codice sui dispositivi di milioni di utenti in tutto il mondo. iMAME e iDOS se la sono vista brutta, venendo accettati su App Store solo per essere ritirati poco tempo dopo per rischi legali (anche epr Apple).

Nonostante GBA4iOS sia stato rimosso da GitHub, NDS4iOS rimane ancora disponibile. Non è chiaro se Nintendo abbia intenzione di far rimuovere anche questo emulatore per Nintendo DS. Nel frattempo l’azienda di Kyoto ha registrato il suo terzo anno consecutivo di passivo, e mentre le vendite di Wii U non accennano ad aumentare (e 3DS non sta avendo il successo sperato), Nintendo ritiene impossibile l’esportazione dei suoi titoli di successo su iOS e Android.

[via]