Facebook pensa a un sistema di pagamento tramite Messenger

di Giovanni Biasi 1

Nella versione corrente di Messenger per dispositivi iOS appaiono evidenze di una piattaforma pensata per i pagamenti interni al social network.

facebook-payments-select-method_copy.0

Pare che Facebook stia pensando a un sistema di pagamento tramite Messenger, per rivaleggiare con compagnie come PayPal e Venmo. Le prove provengono da TechCrunch, che ha ottenuto alcuni screenshot e un video di quella che sembra proprio una nuova piattaforma di pagamento, segretamente già presente nella versione attuale di Facebook Messenger per iOS. Con il servizio abilitato, gli utenti sono in grado di inviare denaro ai propri amici in modo facile e intuitivo esattamente come potrebbe essere allegare una foto a un messaggio. 

Pare che al momento il servizio accetti solo pagamenti tramite carte di debito, che richiedono il pagamento di tasse più basse e sono più semplici da configurare dei conti bancari. Parlando di tasse, almeno per quanto si evince dal sistema di cui sono trapelati i materiali, pare che non ne siano previste per il trasferimento di denaro tra utenti. Ma c’è da tenere in conto, dal momento che si tratta di un leak preliminare del servizio, che i dettagli possono cambiare in modo significativo.

Caricamento

Vedi su Instagram

Non si tratta della prima volta che si vede un interesse da parte di Facebook nell’ambito dei pagamenti. All’inizio di quest’anno, in una mossa che coglieva tutti un po’ di sorpresa, il gigante del social networking assumeva il presidente di PayPal David Marcus e lo metteva proprio nel settore della messaggistica. Dopo quell’assunzione, il CEO Mark Zuckerberg sembrava non avere alcuna intenzione di nascondere le intenzioni della compagnia di avvicinarsi al mondo dei pagamenti, nonostante avvisasse gli investitori che una mossa simile non sarebbe avvenuta da un giorno all’altro.

Non abbiamo ancora idea di quando Messenger sarà aggiornato per offrire effettivamente al pubblico queste nuove opzioni di pagamento: il fatto che la struttura sia già presente potrebbe tradursi in un rilascio imminente, oppure in semplici processi di test che non sappiamo quanto dureranno.
Staremo a vedere.

via | The Verge