Evento Apple, sarà il 21 marzo 2016

di Andrea "C. Miller" Nepori Commenta

Arrivano nuove e definitive indiscrezioni sull'evento speciale che Apple terrà a marzo per presentare un nuovo modello di iPad ed un nuovo iPhone di fascia media, una settimana più tardi di quanto previsto.

BN-LE723_1111ST_M_20151110171205

Già da qualche tempo di vocifera di un evento speciale che Apple sta preparando per marzo, finalizzato al lancio di un nuovo modello di iPhone, che si chiamerà probabilmente iPhone SE, e di un nuovo iPad, che pensavamo potesse essere l’iPad Air 3 e invece sarà, probabilmente, una specie di iPad Pro Mini.

Le prime indiscrezioni parlavano di un evento previsto per il 15 di marzo, mentre i rumor degli ultimi giorni, confermati a breve giro da tutti i maggiori giornalisti con fonti solide a Cupertino, indicano un’altra data: lunedì 21 marzo. Anche lo scorso anno l’evento primaverile di Apple si era tenuto di lunedì e non di martedì.

L’evento si terrà probabilmente a Cupertino, all’auditorium della Town Hall, non in un centro più grande come avvenuto lo scorso anno per la presentazione dell’Apple Watch. Al centro dell’attenzione ci saranno, come già preannunciato, l’iPhone SE, una versione potenziata di iPhone 5s con supporto ad Apple Pay e schermo da 4 pollici, e il nuovo iPad che, se tutto andrà secondo i piani, avrà un display da 9,7 pollici, ma erediterà caratteristiche dell’iPad pro, come il supporto alla Pencil e lo smart connector che permette di collegare la tastiera senza usare la porta lightning.

E’ interessante notare, infine, che se confermata la data del 21 marzo, l’evento finirà per tenersi un giorno prima rispetto alla prima udienza di Apple con il governo sulla questione dell’iPhone del terrorista di San Bernardino, che vede l’azienda contrapposta all’FBI. I federali vorrebbero da Apple una versione speciale di iOS che permetta di bypassare i controlli di sicurezza. Apple si rifiuta di crearla, perché troppo pericolosa e perché un sì alla richiesta significherebbe innescare una serie di imprevedibili precedenti che metterebbero a rischio la privacy di milioni di utenti iPhone.