Class action contro Apple, Google ed altre aziende che non si rubano i dipendenti

di Andrea "C. Miller" Nepori 3

Lo studio legale Lieff, Cabraser, Heimann & Bernstein ha annunciato l’avvio di una class action nei confronti di Apple, Google, Intel, Adobe ed altre aziende del medesimo settore, ree secondo l’accusa di essersi messe d’accordo per non rubarsi vicendevolmente ingegneri e altri dipendenti. Lo studio legale sostiene che siano stati messi in pratica dalle aziende mutui scambi di favori con veri e propri patti di “no-solicitation”. Tali accordi avrebbero comportato una maggiore immobilità del mercato del lavoro nel settore I.T. e soprattutto avrebbero contribuito a limitare il potenziale di carriera dei dipendenti e l’ammontare dei loro stipendi, che potevano essere tenuti al medesimo livello in assenza di offerte migliori da parte di aziende concorrenti.

“Poaching” è il termine del gergo enterprise statunitense che indica l’atto di sottrarre un dipendente di alto livello ad un concorrente con la promessa di uno stipendio superiore o di uno scatto di carriera. Per evitare la diffusione di questa pratica e limitare vicendevolmente il rischio di vedersi sottratte figure strategiche, molte aziende del medesimo settore stringono accordi come quelli che secondo l’accusa avrebbero accomunato Apple e tutte le altre aziende citate.

Nella denuncia si fa menzione di una vera e propria “coalizione” fra le aziende, che sarebbe rimasta attiva almeno dal 2005 al 2009. Difficile dubitare di questa affermazione, visto che proprio nel settembre 2010 Adobe, Apple, Google, Intel, Intuit, Lucas Film e Pixar hanno patteggiato con il Dipartimento di Giustizia statunitense accettando di sciogliere qualsiasi accordo di simile natura dopo che nel 2009 erano emerse le prime accuse in relazione ad un anti-poaching agreement fra Apple e Google.

La class action è stata depositata da parte di Siddharth Hariharan, un ex-dipendente della Lucas Film, altra azienda coinvolta nella causa. “Io e i miei colleghi alla Lucas Film abbiamo applicato le nostre capacità, le nostre conoscenze e la nostra creatività per rendere l’azienda uno dei leader del proprio settore”, afferma Hariharan nella denuncia. “E’ mortificante sapere che mentre noi lavoravamo per creare fantastici prodotti che hanno generato immensi profitti per la Lucas Film, i dirigenti senior siglavano accordi con altri nomi di spicco del mercato tecnologico per eliminare la concorrenza e limitare i salari dei propri dipendenti altamente specializzati”.

[via]