Apple Music raccontato da Eddy Cue e Jimmy Iovine a Billboard

di Lorenzo Paletti Commenta

Apple Music raccontato in una lunga intervista a Billboard dai suoi due creatori: Jimmy Iovine e Eddy Cue, che parlano di etichette discografiche e concorrenza.

Apple Music KFC

Dopo la presentazione dello scorso lunedì, Jimmy Iovine e Eddy Cue hanno rilasciato un intervista con la celebre rivista Billboard per parlare della loro applicazione, che combina un servizio di musica on-demand a una radio in streaming 24 ore su 24 a un social network dove gli artisti possono interagire con i loro fan.

Stando a Cue, il prezzo di 10 dollari al mese per Apple Music non è qualcosa che ha scelto Apple, come raccontato in passato dalle voci di corridoio che hanno preceduto il lancio, ma l’azienda ha cercato di ottenere i prezzi più convenienti per i suoi utenti. La versione “familiare” di Apple Music sembra la soluzione più economica, e permette a 6 account di pagare una sola volta al mese 15 dollari.

Penso che il costo di un album per un mese di abbonamento sia onesto. Potresti dire che magari dovrebbe essere 8 o 9 dollari? Ma a chi importa. Penso che il punto dove i servizi in abbonamento perdono punti sia nelle famiglie – hai un marito, un fidanzato, una ragazza… il concetto di iscriversi per ogni abbonamento diverse volte non succederà, così abbiamo speso diverso tempo con le etichette discografiche per convincere che la vera opportunità è rappresentata dalle famiglia.

Quando viene chiesto a Cue cosa ne sarà dei download su iTunes Store, se non teme che l’arrivo di Apple Music diminuirà ulteriormente le vendite sullo store di Apple, Cue risponde dicendo che gli acquirenti di iTunes Store cominceranno a spendere per acquistare abbonamenti ad Apple Music. E comunque i download continueranno ancora per un tempo molto molto lungo:

Ci sono diverse persone a cui piace scaricare i loro brani, e penso che continueranno a farlo.

Una radio di 24 ore su 24 che funzioni 7 giorni su 7? Jimmy Iovine ha spiegato che nel corso degli ultimi 15 anni la radio è diventata falsa, qualcosa che avrebbe voluto cambiare personalmente.

È basata sul genere della musica che viene mandata, o sul beat, o sui pezzi dell’ultimo momento. Così ho detto: costruiamo qualcosa che non segua nessuna di queste logiche e riproduca musica per il semplice fatto che è buona musica.

Cue e Iovine hanno anche rilasciato interviste con il Wall Street Journal e The Guardian, condividendo sostanzialmente le stesse informazioni con queste due riviste.

I due hanno parlato anche di Apple Connect, la componente “social” di Apple Music che permette agli artisti di tenersi in contatto con il loro pubblico, o consente agli artisti emergenti di pubblicare la loro musica su un network che avrà milioni di utenti appassionati di musica.

Il nostro punto di vista è molto semplice: lasciamo che siano gli artisti e le etichette discografiche a controllarlo. Possono scegliere di usare Connect gratuitamente, se lo vogliono, o possono mettere dei contenuti bloccati e che richiedono il pagamento di un abbonamento o una cifra una tantum, oppure possono rendere l’accesso disponibile su iTunes Store, in vendite. Sono loro che controllano la loro musica e come la vogliono distribuire.

Iovine ha anche commentato sostenendo che Apple Music sarà un successo per tutti.

Volevamo che gli artisti avessero un posto dove ci fosse la loro musica e non solo quella. Dove c’è qualcosa da guadagnare! E non solo in termini economici, ma in termini emotivi. Un guadagno creativo.

Billboard ha chiesto e Cue e Iovine anche se il lancio di Apple Music è in qualche modo stato influenzato da Tidal, il servizio di streaming musicale di Jay Z supportato da diversi big dell’intrattenimento musicale.

Non puoi perdere tempo ad essere preoccupato di quello che gli altri stanno facendo. Questo non significa che non ci siamo stati attenti. Non avremmo potuto cambiare direzione così rapidamente, in ogni caso, perché Tidal è stato lanciato da un po’ ma noi non abbiamo cambiato la nostra visione per quello che stavamo cercando di creare. È stato molto chiaro dall’inizio che la strada che stavamo seguendo fosse la strada giusta.

Spotify viene invece nominato quando a Iovine viene chiesto se sente il peso del futuro del mondo della discografia:

Sento il peso di qualcuno che sta facendo qualcosa di giusto. Se facciamo qualcosa di giusto, nulla di questo avrà importanza. Se facciamo qualcosa di giusto, tutto funzionerà come deve. Penso che Daniel Ek abbia fatto un ottimo lavoro fino ad ora [con Spotify] – dover firmare quei contratti come ha fatto lui in quei primi anni. Ci sono molte persone che stanno facendo un ottimo lavoro. E ora noi stiamo facendo questo lavoro, ed è molto musicale. Possiamo muovere l’ago della bussola della cultura popolare, che è un po’ il sacro graal. Quando lo fai – e chi lo ha fatto più di questi ragazzi [di Apple] – è una emozione.

Iovine e Cue scambiano infine alcune battute sulle etichette discografiche, che in questa situazione non sembrano avere chiaro quale sarà la strada del futuro che permetterà a tutti di continuare a guadagnare i soldi guadagnati fino ad ora.

Iovine:

Quando pensavo come una etichetta discografica, non pensavo di essere avaro. Ho sempre corso la mia corsa. Ci sono diversi generi di persone che dominano queste etichette discografiche. Sei in una crisi economica per l’industria musicale in questo momento.

Cue:

Non penso che sia vero. Penso che il problema sia mettere le etichette discografiche sul lato opposto del tavolo… Abbiamo sempre pensato che se dai alle persone un ottimo servizio, queste saranno disposte a pagare per averlo e questo è quello che stiamo cercando di fare. Non sono io a determinare che i 15 dollari al mese sono il prezzo giusto, è la società a determinarlo.

Iovine:

Non possiamo avere semplicemente una utility. Per fare in modo che le persone paghino per qualcosa che hai costruito, devi creare un servizio. Deve rendere la vita di qualcuno migliore. Ecco perché sono venuto ad Apple. Perché hanno la tradizione di rendere le vite più semplici, migliori – penso che le persone vogliano parlare per questo.

Apple Music sarà disponibile con il servizio di streaming musicale on-demand, la stazione Beats 1 e la piattaforma Apple Connect dal prossimo 30 giugno. L’Italia dovrebbe essere nei paesi di lancio del servizio, che sarà distribuito insieme ad iOS 8.4 su iPhone, iPad e iPod touch. Come precedentemente indicato, il suo prezzo sarà di 10 dollari al mese per i singoli utenti e 15 dollari al mese per una famiglia di massimo 6 persone (o per un gruppo di amici disposto a dividersi l’abbonamento per arrivare a pagare 2.5€ a testa).

[via]