Apple brevetta il cilindro di cristallo dell’Apple Store di Shanghai

di Lorenzo Paletti Commenta

Apple brevetta il cilindro di vetro dell'Apple Retail Store di Shanghai. Il brevetto è firmato anche dall'ex-CEO di Apple e co-fondatore dell'azienda Steve Jobs.

shanghai-100712-2

Apple ha ottenuto questa settimana un brevetto per il suo cilindro di vetro che è diventato il simbolo dell’Apple Retail Store di Shanghai. Sui documenti depositati all’ufficio brevetti degli Stati Uniti c’è anche la firma dell’ex-CEO e co-fondatore di Apple Steve Jobs.

Lo US Patent and Trademark Office ha confermato lo scorso martedì il brevetto di Apple D732,188 per un periodo di 14 anni. Il documento include le firme di Steve Jobs e di Ron Johnson, ex dirigente di Apple a capo degli Apple Retail Store.

Apple ha anche brevettato un sistema per permettere l’ingresso all’interno del cilindro di vetro (e per il sistema che permette di scendere nello store) ma i nomi di Jobs e Johnson non compaiono sui documenti.

Come per l’iconico Apple Reatil Store della Quinta Strada a New York, anche il cilindro di vetro di Shanghai è diventato un nuovo modello dello stile di Apple nella costruzione dei suoi negozi. Il cilindro, come il cubo di New York, è costruito interamente in giganteschi pannelli di vetro uniti da giunzioni metalliche.

L’edificio cinese, però, è più complesso di quello americano, considerate le caratteristiche che deve avere il vetro per potere avere quelle dimensioni e soprattutto quella particolare curvatura, che permette l’unione delle componenti per costruire un cilindro.

13265-7901-Screen-Shot-2015-06-16-at-103244-AM-l

L’Apple Retail Store di Shanghai è stato aperot nel 2010, proprio quando Apple ha avviato il suo processo di espansione in Cina. Lo sforzo, guidato da Tim Cook, ha ripagato ampiamente l’azienda, che ha visto un boom di vendite e profitti in Cina. Attualmente il paese è il secondo acquirente di dispositivi Apple dopo gli Stati Uniti.

Nel frattempo l’Apple Retail Store della quinta strada sarà presto sgomberato e trasferito in un edificio adiacente per una non meglio precisata ristrutturazione.

[via]