Musica digitale: le vendite diminuiscono del 9%, lo streaming sale del 54

di Giovanni Biasi Commenta

Una nuova ricerca effettuata da Nielsen evidenzia i recenti movimenti nel mercato musicale: le vendite di album e brani scendono del 9 e 12%, mentre lo streaming registra un aumento di 54 punti percentuali. Si sottolinea l'importanza dell'acquisizione di Beats Music da parte di Apple.

musica streaming

Una ricerca di Nielsen SoundScan ha recentemente rivelato alcuni dati interessanti riguardanti la musica digitale. Nello specifico, si parla di una crescita del 54% nello streaming di contenuti audio e video: gli streaming totali sono saliti dai 106 miliardi nel 2013 ai 164 miliardi nell’anno appena concluso.
E un aumento del genere nel mondo dello streaming si verifica in coincidenza di un calo nelle vendite di brani e album digitali: le vendite degli album digitali sono calate del 9%, arrivando nel 2014 a 117.6 milioni, mentre per i brani si registra un calo del 12%, arrivando nell’ultimo anno a 1.26 miliardi. È un calo che non riguarda solo il digitale: le vendite fisiche degli album musicali sono calate dell’11% durante l’ultimo anno. 

L’unico settore in crescita per quanto riguarda le vendite è quello del vinile, che ha visto un aumento del 52% nell’ultimo anno (e continua a crescere da nove anni di seguito).

Di seguito le dichiarazioni di David Bakula, Senior Vice President della divisione di ricerca di Nielsen Entertainment:

Il consumo di musica digitale continua a crescere in modo significativo, con lo streaming On-Demand che è cresciuto del 54% durante l’ultimo anno, e ha registrato 164 milioni di brani riprodotti nel 2014. Nonostante le vendite di musica siano in discesa globale, le vendite nel settore del vinile sono aumentate del 52% nel 2014, migliorando il record dell’anno scorso di oltre 3 milioni di LP.

I dati di Nielsen sottolineano l’importanza dell’acquisizione di Beats Music da parte di Apple, che ha permesso alla casa di Cupertino di entrare nel mondo dello streaming musicale. Ci si aspetta che Apple utilizzi sia iTunes che Beats Music per coprire due diversi settori di mercato (la vendita e lo streaming, appunto).

Il servizio di streaming di Beats Music verrà probabilmente incluso in iOS già dai primi mesi del 2015, verosimilmente sotto il marchio iTunes.
Prima di essere in mano ad Apple, Beats aveva inaugurato il suo servizio di streaming con una partenza piuttosto lenta, con soli 110.000 utenti fino al mese di Marzo. Non ci sono dati riguardo le statistiche di Beats Music dal momento dell’acquisizione, a Maggio, in poi.

via | Apple Insider