1999-2009: 10 anni di Airport

di Andrea "C. Miller" Nepori 1

Martedì scorso, 21 luglio, la base Airport ha compiuto dieci anni. Presentata per la prima volta da Steve Jobs al Macworld 1999 (quando da noi il 56K era ancora un signor collegamento a internet, per chi ne conosceva l’esistenza) a New York, ha contribuito a rivoluzionare le modalità di accesso senza fili alla rete.

Quello del Macworld 1999 fu un keynote memorabile, con la famosa comparsata di Noah Wyle (che aveva da poco interpretato Steve Jobs ne “I pirati della Silicon Valley”), la presentazione degli iBook e il salto nel vuoto di Phil Schiller. Per dimostrare la portata della base Airport appena presentata, Schiller si lanciò da diversi metri di altezza su un materasso gigante con in braccio un iBook dotato di accelerometro in grado di trasmettere via Wi-Fi il grafico dei movimenti del Vice Presidente.

Nella playlist  video che trovate dopo il salto, abbiamo riunito alcuni punti salienti raccolti dal mare magnum di YouTube.

La scenetta imbastita da Noah Wyle in combutta con Jobs dà ufficialmente l’avvio al keynote. Steve rimprovera l’attore e gioca a prendersi in giro. Imperdibile.

Più avanti, al minuto 5:45 del secondo video un altro siparietto divertente: Steve, per dimostrare che l’iBook non è collegato ad alcun cavo LAN fa passare un cerchio attorno al computer come Silvan. Mancava solo che dicesse sinsalabim, ma non sarebbe servito dato che allora il condimento a base di “Boom!” era ancora una specialità della casa.

Verso la fine del terzo video trovate poi il salto nel vuoto di Phil Schiller. Uno sketch ben congegnato, con Steve invita il VP a saltare, il pubblico che gli dà man forte e Phil che prima di saltare fa un tributo al trentennale dello sbarco sulla luna: “E’ un piccolo salto per un uomo, ma un enorme balzo per il wireless networking”.

Qui potete leggere il ricordo di chi a quel Keynote c’era.