JewelGram: la foto Instagram diventa un gioiello

di Andrea "C. Miller" Nepori 1

Da quando Instagram ha aperto le su API agli sviluppatori di terze parti, circa un anno e mezzo fa, sono nati progetti creativi di ogni genere e servizi online che permettono di stampare le proprie Insta-foto sui più svariati supporti.
Servizi come il neonato Jewelgram, un tool online che si interfaccia con il social network fotografico e permette di stampare le proprie foto su anelli e pendenti in acetato, argento o addirittura oro a 18 carati.
Abbiamo intervistato Michele Marzotto, co-ideatore di Jewelgram assieme all’amico Gianpiero Riva, per farci spiegare meglio in che cosa consiste questo nuovo servizio.

TheAppleLounge: Ciao Michele, partiamo subito con la domanda più semplice: che cos’è JewelGram?
Michele Marzotto: Jewelgram è il primo gioiello reso unico attraverso la propria libreria Instagram. E’ a tutti gli effetti un anello completamente personalizzabile, con l’utilizzo delle proprie foto. Foto che non vengono applicate sopra ma vengono stampate e rese solidali con il supporto prezioso.

TAL: Come è nata l’idea e con chi hai realizzato questo progetto?
MM: L’idea è nata qualche mese fa, semplicemente parlando di quanto sarebbe stato interessante sviluppare un progetto per Instagram. Essendo io un designer di gioielli e Gianpiero, il mio attuale socio, un ingegnere elettronico (oltre che uno dei tre instagramers più seguito in italia), la scelta è stata semplice: abbiamo unito i due ambiti professionali e creativi ed è nato Jewelgram.

TAL: Sul sito ho visto una sezione “Play” e una sezione “Challenge”, in cosa consistono?
MM: Nella sezione Play entrando con il proprio account Instagram sarà possibile generare la MagicPic, ovvero il render dell’anello con la propria foto, una volta ottenuta la MagicPic sarà possibile partecipare al Challenge che mette in palio per tre Instagramers selezionati i primi tre Jewelgram in argento. Al Challenge si partecipa pubblicando la MagicPic sul prpprio profilo e taggandola con il tag #jewelgram.

TAL: Da un punto di vista tecnico: è stato semplice realizzare il progetto o hai trovato difficoltà e limitazioni inaspettate?
MM: Il progetto ha sicuramente le sue complessità, ma al momento nulla che non siamo riusciti a risolvere.
A livello software ad esempio, area in cui il mio socio ha dato il meglio di se, abbiamo dovuto studiarci le API di Instagram perché permettiamo agli utenti di collegarsi automaticamente il loro account.
Questo ci permette di dare vita al photo-challenge con le MagicPic. Altra difficoltà tecnica dal punto di vista software è stata la generazione automatica e personalizzata del rendering (la MagicPic di cui sopra) che inviamo via email e per la quale Gianpiero ha dovuto scrivere una funzione di rendering ad hoc in PHP.
Per quel che riguarda la produzione dei monili abbiamo fatto specifiche ricerche sulla tipologia di stampa da utilizzare e sui materiali dove applicarla, con specifiche tecniche rivolte soprattutto alle plastiche e al risultato finale da ottenere nella stampa ad alta risoluzione.

TAL: Se posso essere indiscreto: lanciare un servizio come Jewelgram prevede un grosso investimento o si può dire che sia alla portata di chi ha l’idea giusta e il Know How per realizzarla?
MM: Diciamo che a pieno regime un servizio come il nostro richiederà un importante investimento, allo stato attuale infatti stiamo vagliando opportunità di finanziamento attraverso finanziatori.

TAL: Quali sono i tempi per la realizzazione di uno dei gioielli “iPhonefotografici” della vostra collezione?
MM: I tempi di realizzazione non sono al momento quantificabili: non è ancora partita la produzione dei gioielli in plastica, e quelli in argento vengono realizzati per adesso su specifica richiesta. Stiamo comunque pianificando tutto in modo che a regime considereremo gli otto/dieci giorni lavorativi come tempi entro i quali i nostri clienti riceveranno la merce ordinata.

TAL: Dicci la verità: vi aspettate davvero che qualcuno possa ordinarvi l’anello Kelvin da 2000$?
MM: Non solo ci aspettiamo di venderlo, ma di venderne più di uno! Instagram ha più di 100 milioni di utenti, con persone di ogni livello e grado. Anche le cuffie di DrDre le puoi personalizzare con oro e diamanti: perché non i Jewelgram?

TAL: Grazie per il tuo tempo, e in bocca al lupo a Jewelgram!
MM: Grazie mille a voi.

Per maggiori informazioni sul servizio e per partecipare al MagicPic Challenge vi rimando al sito di Jewelgram.