Sarà Sony ad occuparsi dei sensori per le fotocamere del nuovo iPhone?

di Giovanni Biasi Commenta

iphone fotocamera sensori sony

Secondo un report di Nikkei, la principale testata di economia giapponese, tra Sony ed Apple sarebbero in corso diverse negoziazioni riguardanti la produzione dei sensori per le fotocamere del nuovo iPhone. Sony, se le cose andassero a buon fine tra le due aziende, si troverebbe a raddoppiare la fornitura di componenti per le fotocamere di iPhone, visto che, mentre ora si occupa di fornire i sensori CMOS per la fotocamera posteriore di iPhone 5s, nel prossimo modello si occuperebbe anche di quelli relativi all’obiettivo anteriore. 

E Nikkei ci dà anche qualche numero su cui ragionare: Sony, scrive la testata, al momento garantisce ad Apple qualcosa come 100 milioni di sensori all’anno, con la maggior parte di questi dedicata ad iPhone, ma per la nuova generazione di smartphone made in Cupertino il numero andrebbe addirittura a raddoppiare.

Questo genere di ordini da parte di Apple può influire molto facilmente nei piani delle compagnie che si occupano della fornitura di componenti per iPhone e iPad. Sharp, ad esempio, ha investito molte risorse per concentrarsi nella produzione di display LCD per fare in modo di garantire ad Apple un numero sufficiente di componenti. Allo stesso modo, secondo Nikkei gli ordini di Apple hanno spinto Sony ad acquisire Renesas Electronics, società giapponese dedicata alla produzione di chip.

Il nuovo iPhone 6, insomma, secondo Nikkei dovrebbe vedere un miglioramento della (già ottima) fotocamera da 8 megapixel presente in iPhone 5s, e inoltre sensori made in Sony anche nella fotocamera anteriore (insomma, dite addio alle selfie sgranate per i vostri account Instagram, contenti?).
Se tutto va come sempre, il nuovo iPhone dovrebbe essere presentato a Settembre/Ottobre e lanciato poco dopo.

Sony, sempre a quanto dice Nikkei, ha anche cominciato ad occuparsi della fornitura di batterie per iPad Air.

E voi cosa vi aspettate dal nuovo smartphone Apple?

via | CNET