Sblocco iPhone 2.0 con Pwnage: il giorno dopo

di Michele Baratelli 10

Passata l’euforia collettiva della “Domenica”, che a detta del Dev Team ci ricorderemo per qualche tempo, vogliamo analizzare in maniera più precisa la situazione dello sblocco di iPhone 2.0 tramite Pwnage. Anche noi di TAL siamo stati contagiati, adducendo la scusa di voler divulgare la notizia: in realtà eravamo in fremente attesa di provare Pwnage per lo sblocco di iPhone. Abbiamo pubblicato una guida con il puro scopo di aiutarvi a districavi nelle varie procedure senza l’intenzione di portare l’illuminata verità. Cosa è successo e come funziona Pwnage?


Zibri, dopo il tool del Dev Team, ha pubblicato sul suo blog una curiosa immagine: noi la abbiamo interpretata con la sua volontà di aspettare, al di la del fiume, gli eventi. Una interpretazione forte la nostra, ma, crediamo in linea col possibile pensiero dell’italico hacker di iPhone: un custom firmware non è uno sblocco vero e proprio del melafonino e Apple potrebbe prendere seri provvedimenti. “Potrebbe”.


ZiPhone si basava infatti su un procedimento che potremmo spiegare in maniera volutamente semplicistica: scrivendo un byte al posto giusto e nel modo giusto, si sbloccava iPhone. Apple ha studiato tale procedura e, a detta di GeoHot, già la beta 4 del firmware 2.0 presentava delle correzioni in merito: correzioni che, unite al famoso sistema del “Trust”, non rendono più attuabile e pensabile ZiPhone come era strutturato finora.


GeoHot ci viene ancora incontro spiegandoci come agisce Pwnage: sempre con l’idea di rendere l’informazione fruibile a tutti, il Dev Team ha realizzato un metodo che, agendo sull’hardware, parte ancor prima che venga caricato il sistema operativo di iPhone, illudendolo che tutto sia a posto. Mesi di duro lavoro e di studio senza la minima divulgazione delle scoperte hanno reso possibile tutto questo.


Ricapitolando: Pwnage, per i puristi, non è un vero sblocco, ma, è un firmware “farlocco”, “simile” all’originale, che inganna iPhone: non è un crack, è un aggiramento del problema e forse l’unica soluzione al momento possibile. Per noi, “utenti della Domenica”, Pwnage è, al momento attuale, lo sblocco di iPhone 2.0: poco ci importa di come venga realizzato o se sia “degno” di essere chiamato “sblocco”, poiché ha reso possibile l’utilizzo del firmware 2.0 sui nostri “vecchi” iPhone 2G. “Chapeaux al Dev Team”, con tutti i nostri migliori complimenti e supponiamo anche i vostri
: sperando però che Apple non corra ai ripari.


Seguendo la nostra “guida spartana allo sblocco”, avrete, il più a lungo possibile, il controllo sul vostro iPhone: fino a che non proverete a installare il “custom firmware” da voi creato, manterrete il pieno comando del vostro melafonino, evitando di mettere direttamente il firmware 2.0 originale per poi andare a creare il custom firmware. Sappiamo che è una procedura apparentemente più complessa di soluzioni proposte altrove, ma, sappiamo che è forse quella che farà meno danni alle vostre coronarie.


A chi tra voi non si sente nella condizione di aggiornare per paura, vogliamo solo dire che rispettiamo la vostra scelta: nel possedere un iPhone di “contrabbando”, però, qualche rischio va messo in conto. La gioia di vederlo funzionare dopo minuti di pura angoscia, non ha prezzo (come recita una famosa pubblicità). Pwnage ha funzionato al primo colpo su tutti gli iPhone su cui lo abbiamo provato: tra amici vari, nella giornata di ieri, abbiamo orchestrato più di una ventina di sblocchi e mai nessun problema. Il Dev Team ha rilasciato davvero un software funzionante e curato che solo in rari casi ha dato errori che al momento sono in fase di approfondimento da parte loro, ma, anche da parte nostra.


Piccolo avvertimento ai possessori di iPhone 3G: possiamo capire che l’euforia di Pwnage possa avere colpito anche voi, ma, non azzardatevi a utilizzare, per ora, il tool del Dev Team. Motivazioni? Sapete che Pwnage tool effettua solo Jailbreak di un iPhone 3G: Cydia per ora è come un deserto e la data di arrivo del nuovo Installer.app non è conosciuta. Capite benissimo che, al momento attuale, non è necessario utilizzare Pwnage su un iPhone 3G; anzi, se ci permettete, ve lo sconsigliamo pure, per ora.


La versione 1.1.4 al momento è forse più stabile della 2.0, ma, sappiamo che spesso è inutile sconsigliarvi di effettuare un upgrade: siamo stati noi i primi a farlo. Non ci resta che augurare un “buon sblocco” a quelli che nelle prossime ora si metteranno alle prese con Pwnage tool; un “buon iPhone 2.0” a chi lo ha già fatto e “buona meditazione” a tutti quelli fermi alla 1.1.4.