Pentagono: il Dipartimento della Difesa ordina 600 000 iDevice

di Lorenzo Paletti 1

Diparimento Difesa USA logo

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Unti si convertirà, nel 2014, ad iOS e Android. Ne avevamo già parlato, e si tratta di una vittoria per Google ed Apple, che dimostrano così la sicurezza dei loro sistemi operativi. Ora arrivano le prime stime degli ordini che il pentagono potrebbe piazzare ad Apple per dire definitivamente addio a BlackBerry per i suoi dispositivi mobili.

Stando ad Electronista, sarebbero 650 000 gli iDevice prenotati dal Pentagono in questi gironi. Si tratterebbe di 120 000 iPad, 120 000 iPad mini, 200 000 iPod touch e 210 000 iiPhone. I dispositivi saranno utilizzati in qualsiasi genere di situazione, dai campi di battaglia alle riunioni d’ufficio:

Un’altra fonte vicina alla questione ci ha detto che i dispositivi iOS dovranno sostituire la quasi totalità dei vecchi sistemi BlackBerry incompatibili con gli aggiornamenti software BlackBerry 10. Le statistiche raccolte riguardo il Dipartimento della Difesa indicano che sarebbero 470 000 i dispositivi Android attualmente in uso, di cui nessuno farebbe girare BlackBerry 10. Il test dei nuovi sistemi operativi, e la rimozione di alcuni fondi, potrebbero definitivamente indicare che BlackBerry 10 non arriverà mai nel Pentagono.

L’ordine dei dispositivi dovrà ora essere confermato dal Congresso degli Stati Uniti, mentre pare evidente come il ruolo di BlackBerry in ambito professionale e governativo sia destinato a diminuire ulteriormente, mentre vengono confermate l’efficenza e la sicurezza di iOS.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, che quotidianamente lavora con documenti secretati di importanza internazionale, potrebbe essere lo sponsor ideale per iPhone, e convincere definitivamente le industrie ancora insicure riguardo il passaggio ad iOS. BlackBerry 10, nel frattempo, è in una lotta tra poveri con Windows Phone per riuscire a racimolare il terzo posto nel settore mobile, dominato, in maniera quasi disonesta, da Android e iOS.

[via]