iPhone: gestures multi-touch per la tastiera

di Michele Baratelli 1

I possessori degli ultimi modelli di MacBook (liscio, Pro o Air) hanno scoperto le “gestures“, e cioè che particolari movimenti associati a un diverso numero di dita sul trackpad del proprio portatile forniscono un accesso veloce ad alcune funzionalità (ad esempio, nell’ultima linea di MacBook è possibile utilizzare fino a quattro dita per ottenere risultati diversi). L’ufficio brevetti americano ha registrato da poco un nuovo brevetto di Apple che sembra introdurre le “gestures multi-touch” anche per quanto riguarda la tastiera di iPhone e iPod touch. Sebbene spesso questi brevetti non siano da subito implementati nei prodotti di mamma Apple, è interessante scoprire queste funzionalità che potremmo già utilizzare dalla prossima versione del melafonino: che siano una delle novità di quell‘iPhone nano di cui ormai si parla sempre più spesso?

Il brevetto depositato da Apple recita così: “Ad esempio, per attività come cancellare intere frasi e inserire la punteggiatura di base, le “gestures” (qui chiamate anche “swipe”), rese attraverso il passaggio delle dita sopra la tastiera, possono essere utili per attivare funzioni regalate ai singoli tasti. Poiché la “barra spaziatrice” e il tasto “backspace” sono utilizzati abbastanza frequentemente, sono logicamente i tasti adatti rispettivamente per lo swipe di destra e quello di sinistra. Questi sono swipes sono intuitivamente collegati alla barra/cursore verticale di scrittura. A seguito di tale movimento del cursore, il tasto “Invio” può essere generato da uno Swipe verso il basso, e uno shift/Caps può essere richiamato da uno Swipe verso l’alto. In alternativa, siccome il tasto shift/Caps può essere utilizzato meno frequentemente, lo swipe verso l’alto può richiamare una diversa funzione. Un’alternativa per la mappatura dello swipe verso l’alto, per esempio, potrebbe essere quella di attivare il tastierino numerico e della punteggiatura, oppure quella di inserire un determinato simbolo di interpunzione“.

Come detto più sopra, è difficile dire se questo brevetto vedrà mail la luce e se sarà mai disponibile su un consumer device; quello che invece è certo è il fatto che Apple voglia abilitare questa funzione ove possibile. Abilitare le gestures anche in iPhone e iPod touch è una mossa molto ambiziosa da parte degli ingegneri di Cupertino ma allo stesso tempo è la logica evoluzione di un device che ormai dovrà puntare su funzioni impensabili finora per stupire il pubblico ancora una volta e giustificare un altro cambio di telefono.

Non so voi, ma io mi accontenterei anche di un conta-caratteri per gli sms, del bluetooth aperto e della possibilità di utilizzare iPhone come Modem. Già che ci siamo, aggiungo un gps con navigatore e una fotocamera per iPod touch. Come dite? Gli altri telefoni li hanno già? Steve allora stupiscimi con gestures a 16 dita: poi troverò il modo per usarle tutte.