iPhone Vs Android 2.2: il browser con Flash è vantaggioso?

di Michele Baratelli 44

L’attesa dell’ormai prossimo iPhone HD (o iPhone 4) è animata in questi ultimi giorni dalle novità di casa Google e in particolare dalla recentissima versione del sistema operativo Android. Tra le novità presenti nell’OS Android 2.2 Froyo spicca la compatibilità del browser integrato con Flash. Evidente il messaggio lanciato da Mountain View a Cupertino: ora Android permette ai propri utenti di fare tutto quello che iPhone non offre, ovvero utilizzare i giochini Flash e gustarsi animazioni più o meno sontuose.

Mi rivolgo ai possessori di iPhone: sinceramente voi sentite la mancanza della possibilità di visualizzare le animazioni Flash sul vostro iPhone? Se la risposta è un “SI”, osservate attentamente il video proposto qui sopra. Potreste addirittura cambiare totalmente idea in 11 minuti circa.

Al di là di facili battute e opinioni di parte, la compatibilità con Flash garantita dal nuovo OS di Google è un passo avanti per l’utente. Android 2.2 Froyo offre la possibilità di scelta da parte degli utenti dato che il plugin di flash non è inserito di default ma presente nell’Android Market.

Da questo punto di vista, la visione di Apple è totalmente errata nel non fornire la “possibilità di scelta” sopra citata. Dopo aver visto il video, e capito sul campo gli inconvenienti dell’utilizzo di Flash su una piattaforma (quella mobile) per cui non è stato pensato (lentezza del browser, difficile gestione di alcune situazioni nelle pagine web, difficile lettura della pagina), fa quasi piacere il “niet” di Apple.

Altra parte del video su cui vi suggerisco di meditare è quella relativa ai giochi in Flash. Farmville e cloni a parte, non capisco il godimento di un utente Android nel giocare a titoli simili a quelli proposti nel filmato. Anche qui entra in campo la possibilità di scelta sopra citata ma con le migliaia di applicazioni presenti in App Store non ho mai sentito la mancanza di tali passatempi.

Flash appartiene ad un’epoca in cui la concezione del Web e del mobile in generale era totalmente diversa dalla nostra. Ora è l’utente attraverso App e siti concettualmente innovativi a voler creare il proprio percorso di interesse nel Web. L’utente naviga nella rete grazie al proprio iPhone o smartphone con Android meglio di quanto facesse qualche anno fa attraverso il proprio computer. Esattamente come nel 1996 (anno di nascita di Flash), Adobe deve riuscire a rinnovarsi. Compito non impossibile per un’azienda che ha fatto dell’innovazione uno dei suoi punti di forza.

[via|Pocketnow]