iPhone 5 è il prodotto più complesso mai assemblato, secondo Foxconn

di Pasquale Cacciatore 4

tim cook foxconn iphone

Non è un momento semplice per Apple: le scorte di magazzino non riescono a far fronte all’ampia domanda del nuovo iPhone 5, costringendo numerosi utenti in varie parti del mondo ad attendere per un periodo che sembra ampliarsi ogni giorno che passa (al momento, in Italia, parliamo di 3-4 settimane). Il problema, a quanto pare, si trova all’origine, ovvero nell’assemblaggio dei componenti alla Foxconn.

Proprio l’azienda multinazionale con sede a Taiwan, che ha da anni l’onore e l’onere di assemblare gli iPhone per conto di Apple, ha rivelato al Wall Street Journal che la catena di produzione di iPhone 5 è rallentata a causa delle difficoltà tecniche dell’assemblaggio.

Come riferito da un anonimo dipendente interno all’azienda, iPhone 5 è il prodotto più complicato che Foxconn abbia mai dovuto assemblare. “È leggero, sottile e dal design molto complesso”. Nonostante la produzione stia lavorando al momento a ritmi più lenti di quelli previsti, Foxconn si dice ottimista e pensa che nel prossimo futuro avverrà un’ottimizzazione del processo. “Ci vuole tempo per imparare a produrre questo nuovo dispositivo”, afferma sempre il dipendente interno, “ma la produttività aumenta giorno per giorno”.