iPhone 3G in prenotazione all’UniEuro. Vodafone nel caos

di Andrea "C. Miller" Nepori 15

UniEuro iPhone

Un nuovo attore entra in scena nella telenovela sull’arrivo dell’iPhone 3G. Unieuro, la nota catena di negozi di elettrodomestici, ha iniziato da oggi una campagna di prenotazione dello smartphone di Cupertino. Chi fosse interessato può lasciare il proprio nominativo e i propri dati di contatto presso uno dei punti vendita UniEuro sparsi per lo stivale oppure può prenotarsi direttamente online su questa pagina del sito dell’azienda. Ancora nessuna informazione sui prezzi mentre s’infittisce il mistero sulla caparra da 100€ che richiedono alcuni centri Vodafone One.

Gianni, l’ottimismo è il sale del commercio. UniEuro inizierà da oggi una campagna pubblicitaria sui maggiori quotidiani per sfruttare al massimo l’hype del momento, ma come al solito l’unica informazione certa è che il grande distributore potrà vendere l’iPhone. Nessuna novità invece sui prezzi, sulle tariffe e soprattutto nessuna informazione sull’ammontare delle scorte e sulla disponibilità capillare nei vari punti vendita. Ma non crediate che UniEuro stia celando segreti industriali che non possono essere rivelati. Semplicemente nessuno ha idea di quanti iPhone arriveranno e con quale modalità. Dubbi anche sul quando, visto che appare improbabile che iPhone possa diventare disponibile contemporaneamente nei punti vendita di tutta Italia a partire dall’11 luglio. Niente più di una campagna pubblicitaria preventiva ben studiata che mira a battere sul tempo la concorrenza degli altri giganti della distribuzione di articoli elettronici.

La prenotazione presso i punti vendita UniEuro non è vincolante e non rappresenta un impegno d’acquisto. Come confermato da un operatore online, sia la prenotazione tramite il sito che la prenotazione presso i punti vendita comportano l’inserimento del cliente in una lista di potenziali acquirenti che saranno i primi ad essere contattati quando iPhone diventerà disponibile. Qualora il cliente decidesse di non acquistare lo smartphone verrebbe semplicemente depennato dalla lista cedendo il proprio posto al cliente successivo e così via fino alla fine della lista o fino ad esaurimento scorte.

Vodafone è tutta intorno a te, pure troppo. Si infittisce il mistero dell’acconto di 100€ richiesto dai centri Vodafone One. L’ufficio stampa non ha commentato sulla questione e anche SetteB.IT, che come noi ha fatto un po’ di ricerca sul campo, non è riuscito ad ottenere risposte precise a riguardo. Nel centro Vodafone in cui ci siamo recati ieri la commessa ci ha risposto allargando le braccia quando le abbiamo chiesto perché chiedere 100€ d’anticipo per un prodotto che non si sa quanto costerà. Ci siamo recati in un altro punto vendita e invece di chiederci acconto e dati personali gli operatori si sono limitati a consigliarci la registrazione sul sito, spiegando che non hanno ancora iniziato a riscuotere caparre perché non hanno capito bene il meccanismo e allo stesso tempo stavano cercando di risolvere non meglio specificati “problemi del sistema“. Andiamo bene. Vi ricordiamo che la prenotazione sul sito iPhone.Vodafone.it comporta solamente l’iscrizione ad una mailing list informativa e non sembra dar diritto ad alcuna prenotazione vera e propria.

Interessante notare come anche in questo caso i centri Vodafone One si distinguano per eterogeneità e disparità di trattamento del cliente. Nulla di nuovo sotto il sole, solo una conferma della deregulation applicata sistematicamente da Vodafone nella gestione dei propri punti vendita in franchising. Ad aprile vi avevamo mostrato degli iPhone in vendita in un centro Vodafone One a prezzi da cravattari. Il punto vendita in questione è lo stesso in cui la commessa non ha saputo rispondere al nostro dubbio amletico sulla caparra ingiustificata. E voi che ne dite, li lascereste 100€ sul bancone per accaparrarvi uno dei primi I-PHONE?