Il futuro di iPhone secondo AT&T

di Michele Baratelli 21

L’occasione è stato il “Web 2.0 Summit 2008” svoltosi a S.Francisco e conclusosi ieri: Ralp De La Vega, responsabile della sezione iPhone di AT&T, ha dato la sua personalissima visione del futuro di iPhone. Ralph De La Vega, incalzato dalle domande dei cronisti, si è lasciato andare a “dichiarazioni personali” che ci hanno incuriosito: sarà ancora l’influenza dei temi trattati a Ginevra alla iPhone Conference 2008, ma iPhone è davvero un grandissimo catalizzatore di sogni. Vi suggeriamo di leggere, dopo il salto, questa proiezione delle funzionalità di iPhone nel futuro e vi invitiamo a fornirci la vostra personalissima visione. La mia? Vorrei che iPhone facesse il caffè con le cialde della Nepresso…

“È mattina e, prima che la sveglia del melafonino abbia già suonato per svegliarti – dice Ralph De la Vega – iPhone avrà già caricato tutti i tuoi Feed RSS preferiti in modo che la giornata possa iniziare con la certezza di avere sotto controllo tutte le notizie preferite. iPhone avrà anche già inviato un messaggio wireless alla tua macchina del caffè, in modo che, arrivati in cucina, avremo già il caffè caldo a nostra disposizione. Mentre stai lì seduto a bere il caffè (e magari aggiungendoci qualcosa che dia sostanza) si avrà la possibilità di segliere se leggere le notizie sullo schermo del televisore. Se questa sarà la tua scelta, iPhone invierà wireless le informazioni necessarie al televisore e in questo modo potrai leggere le notizie su uno schermo più grande.

Una volta lavati e vestiti, sarà giunto il momento di uscire di casa per andare al lavoro: iPhone potrà chiudere la vostra porta di casa. Entrate nella vostra auto: iPhone permetterà l’accensione della vostra automobile. Sulla strada che vi porta al lavoro, iPhone continuerà a presentarvi i vostri Feed RSS preferiti, ma, siccome state guidando, sarà lui a leggerveli. Più tardi, al vostro ufficio, iPhone avvia una chiamata in conferenza verso due potenziali clienti in Giappone. Mentre telefoni, parlando italiano, iPhone sarà in grado di tradurre immediatamente tutto in Giapponese in modo che i tuoi potenziali clienti siano in grado di capirti; quando parlano loro, al contrario, iPhone traduce in italiano i loro discorsi e… “

Non so a voi, ma questo futuro anziché rassicurarci, sembra quasi angosciante: ci sarà davvero qualcuno che, in un certo senso, lavorerà anche durante la guida della propria auto? Quello che Ralph De La Vega prospetta è un futuro in cui iPhone ci farà sia da mamma che da “tuttofare”: ci auguriamo che siano solo state parole in libertà. Voi che ne pensate? Volete davvero un futuro del genere?

Puntuali ogni anno arrivano i grandi eventi e puntuali arrivano anche questi “stralci di discorsi in libertà” in cui “persone popolari” abbandonano per un momento il loro ruolo, potendo esprimere così le proprie opinioni personali. Questi discorsi hanno più impatto nei media rispetto ai temi trattati nella conferenze stesse, forse perché sono solo una “sorta di gossip”. Siccome però il nostro futuro di “utenti” è in mano a questi signori, io mi preoccuperei: a me, ad esempio, piace leggere la “Gazzetta” al bar con un in mano un cornetto mentre sorseggio un cappuccino.