Dive In: giochi Square-Enix in streaming su iPhone e iPad

di Davide Leoni 1

SE-Dive-In-Ann

In sordina, il publisher Square-Enix ha annunciato un nuovo servizio chiamato Dive In (senza R): si tratta essenzialmente di una piattaforma streaming simile nel concetto a OnLive e PlayStation Now, che permetterà di giocare con i titoli del catalogo Square su smartphone e tablet.  In altre parole, scaricando l’app, sarà possibile giocare in streaming con numerosi titoli per PC e console, direttamente sul proprio dispositivo portatile.

I terminali supportati sono iPhone 5, iPhone 5S, iPhone 5C, iPad 3G/4G, iPad Air, iPad Mini e Mini Retina aggiornati almeno ad iOS 7, oltre a device Android di fascia alta come Samsung Galaxy S5, HTC One M8, Sony Xperia Z1 e Z2. Ma quali sono i giochi in catalogo? Al momento troviamo Final Fantasy XIII, Final Fantasy VII InternationalSeason of Mystery The Cherry Blossom Murders, noleggiabili per tre, dieci, trenta giorni oppure un anno a prezzi variabili tra i 250 e i 1.100 yen, tasse escluse. A novembre saranno disponibili anche Final Fantasy VIII e The Last Remnant, mentre l’ultimo mese dell’anno arriveranno Murdered Soul Suspect e Final Fantasy XIII-2, mentre nel 2015 sarà la volta di Final Fantasy XIII Lightning Returns e di altri prodotti non ancora annunciati.

Square-Enix ha rivelato inoltre che prima di acquistare sarà possibile provare ogni gioco per trenta minuti, un tempo non eccessivamente lungo ma sicuramente sufficiente per far venire voglia di noleggiare i vari titoli. Per lo streaming è richiesta una connessione Wi-Fi da almeno 3 mbps, l’unico problema di Dive In al momento è legato alla disponibilità: il servizio arriverà in Giappone il 9 ottobre mentre non ci sono certezze riguardo al debutto in Europa.

Resta comunque curiosa la data scelta da Square-Enix per questo annuncio: oggi infatti è il 9 settembre, giorno in cui Apple presenterà (tra le altre cose) l’iPhone 6: sicuramente si tratta solo di una coincidenza ma spesso a pensar male si fa peccato, come si suol dire.

[ via MacStories]