BlackBerry ha rifiutato la sponsorizzazione di Justin Bieber

di Lorenzo Paletti Commenta

Screen Shot 2013-12-06 at 15.36.03

Una retrospettiva intitolata Rise and Fall of BlackBerry comparsa su Bloomberg Businessweek, racconta un aneddoto che un’altra volta dimostra come la compagnia canadese si sia inevitabilmente fatta distaccare da Apple nel mercato della telefonia mobile. Justin Bieber, infatti, avrebbe chiesto 200 000 dollari per sponsorizzare BlackBerry, per poi ritrovarsi a sponsorizzare gratuitamente iPhone.

Bieber, che come BlackBerry (al tempo Research in Motion) è canadese, è stato menzionato dal business development manger della compagnia tra il 2001 e il 2011:

Una cosa che ci siamo persi è stata che Justin Bieber voleva essere nostro rappresentante. Ci ha detto: ‘Datemi 200 000 dollari e 20 dispositivi, e sono il vostro ambasciatore’. Abbiamo raccontato dell’offerta al marketing: ecco un ragazzo canadese, cresciuto qui, che tutti i teenager amano. Ci hanno praticamente cacciato fuori dalla stanza. Hanno detto: ‘Questo ragazzino è una meteora. Non durerà’. Io risposi: ‘Questo ragazzino vivrà più di RIM’. Risero di me.

Washington non ha specificato la data esatta nella quale è stata fatta la proposta, e Bieber ha ora 19 anni. Considerato che ha raggiunto il successo grazie ai suoi video su YouTube nel 2008, e rilasciato il suo primo album nel 2010, l’offerta deve essere arrivata in un intervallo tra il 2010 e il 2012, quando Bieber è stato indicato da Forbes come la terza più importante celebrità del mondo.

BlackBerry si è certamente lasciata scappare una opportunità non indifferente, considerato il successo che ha attualmente il cantante. RIM ha dovuto cedere lo scettro ad Apple per la produzione di smartphone, e persino Bieber, che si era proposto di diventare un ambasciatore di RIM, pubblica ora tweet come: “Ho fatto questa fotografia con la camera frontale del mio Iphone 5 [sic] l’immagine è più definita”. E sappiamo che Apple non ha ambasciatori o celebrità pagate per pubblicare improbabili tweet sulla qualità dei loro dispositivi.

[via]