AT&T offre il Wi-Fi gratis, poi ci ripensa

di Andrea "C. Miller" Nepori 1

Ormai TIM e Vodafone, proponendo tariffe sconsiderate prima, gestendo con scarsa professionalità le informazioni commerciali poi,  hanno abituato gli italiani a situazioni di ogni genere da quando iPhone 3G è stato lanciato. Ma per una volta la palma per la figuraccia peggiore potrebbe andare ad AT&T, l’operatore di telefonia mobile partner di Apple per la distribuzione di iPhone 3G negli Stati Uniti. Il carrier americano ha inserito ieri un banner sul proprio sito in cui informava gli utenti della possibilità di utilizzare gratuitamente più di 17.000 Hot Spot Wi-Fi del network per navigare con il proprio dispositivo mobile. Poco dopo il messaggio è scomparso senza nessuna spiegazione da parte di AT&T.

Il messaggio che accompagnava il banner sembrava scritto da un copywriter esperto nella stesura dei teaser sul retro dei DVD porno, almeno a giudicare dall’uso della parola hot, caldo. In omaggio ad una nota pubblicità e per non perdere quel feeling di messaggio erotico subliminale gestito male dalla divisione marketing di AT&T,  tradurremo così:

“AT&T knows Wi-Fi is hot, and free Wi-Fi even hotter, which is why we are proud to offer iPhone customers free access to the nation’s largest Wi-Fi hotspot network with more than 17,000 hotspots.”

“AT&T sa che il Wi-Fi tira, e il Wi-Fi gratuito tira ancora di più, ed è per questo che siamo fieri di offrire agli utenti iPhone l’accesso gratuito al più grande network di Hot Spot Wi-Fi del paese, con più di 17.000 punti caldi”

I portavoce di AT&T non hanno commentato sulla questione e si sono trincerati dietro una risposta standard con cui hanno spiegato semplicemente che la pubblicazione del messaggio è stato un errore e che nonostante la compagnia sappia quanto è importante l’accesso WI-FI gratuito, al momento non può essere rilasciato nessun annuncio ufficiale.

Non è la prima volta che il carrier statunitense combina uno di questi pasticci wireless. In aprile gli utenti iPhone, senza che AT&T rilasciasse alcuna comunicazione o annuncio ufficiale, avevano scoperto di poter accedere gratuitamente alla rete tramite gli Hot Spot dell’operatore. Pochi giorni dopo, sempre senza rilasciare alcuna spiegazione o commento, AT&T ha chiuso il rubinetto.

[via Geekissimo]