Arriva (quasi) il GPS per iPhone, esce NAVIZONE – anche per palmari Symbian e Palm

di Michele Milanese 3

iphone-map-washington-simple.jpg

Pensate di acquistare un iPhone ma la mancanza di GPS vi frena?
Pensate che Google Maps potrebbe essere sfruttato meglio? Non siete i soli, ma Navizon vi può aiutare.

gpsunknown_500.png

Virtual GPS di Navizon è il classico uovo di Colombo che sfrutta i segnali mandati dalle antenne GPS per localizzare la posizione del telefono, con un’approssimazione di meno di un centinaio di metri. Molto peggio di un’antenna GPS, ma con i suoi indubbi vantaggi.

Innanzitutto la comodità di avere sempre con se uno strumento capace di capire se avete preso l’uscita giusta dell’autostrada. Poi c’è l’indubbio risparmio di batteria dovuto al fatto di non dover tenere acceso il Bluetooth per connettersi all’antenna GPS. Infine volete mettere quanto è cool?

Per raggiungere lo scopo il software Navizon sfrutta quella che è stata fantasiosamente chiamata Peer to peer positioning: persone dotate di un ricevitore GPS, pazienza e tanta volontà raccolgono le posizioni precise delle torri GSM e degli hotspot Wi-Fi e li condividono con tutti gli altri utenti. Le informazioni sono poi utilizzate per determinare la posizione del telefono.

Se non avete un iPhone non disperatevi: esiste una versione del software per telefoni Symbian o Java, per Pocket PC e per Palm. Purtroppo nessuna notizia sulla copertura del Peer to peer positioning in Italia, ma potete provare il software per 15 giorni prima di decidere se sborsare i 24.99 dollari per l’acquisto.