Webmaster Tools: gestire con l’iPhone l’account Google Webmaster Tools

di Nicola Strumia Commenta

webmaster tools iphone
Nome: Webmaster Tools
Tipologia: Utility
Requisiti: iPhone/iPod Touch/iPad OS 3.2 o successivo
Prezzo: 0.79€

Continuiamo il nostro viaggio nel micro mondo delle applicazioni per iPhone/iPad utili a chi si occupa di SEO e sviluppo Web. In precedenza abbiamo recensito iRank SEO, oggi vi presentiamo Webmaster Tools, una applicazione sviluppata da kreativflut. Webmaster Tools è sicuramente la migliore applicazione in assoluto per gestire tutte le funzionalità offerte gratuitamente da Google tramite il servizio Google Webmaster Tools. Quest’ultimo è uno strumento indispensabile per controllare che il nostro sito web non presenti malware, abbia un codice e i vari elementi html ben ottimizzati, possa consentire ai crawler di accedere e spiderizzare o meno determinate sottosezioni e molto altro ancora.

Google aggiorna con costanza questo tool, introducendo sempre nuove funzionalità. Se siete dotati del vostro Mac per qualsiasi motivo, con Webmaster Tools per iPhone riusciremo con comodità a gestire tutti i siti collegati al nostro account Google. Scopriamo assieme le caratteristiche di questa valida applicazione per i SEO.

Caratteristiche di Webmaster Tools

Con Webmaster Tools è possibile monitorare col proprio iPhone (o iPad e iPod Touch) le principali funzionalità del servizio di Google, come controllare lo status del proprio sito, inviare le sitemap xml, verificare gli errori di crawling registrati da Googlebot, monitorare e risolvere i problemi legati gli errori 404 e i link errati.
Inoltre possiamo aggiornare alcuni settaggi come le destinazione geografica preferita della propria utenza di riferimento, il dominio preferito o ancora modificare la velocità di scansione delle pagine da parte di Google. Queste ed altre funzioni sono organizzate in 4 differenti aree, identificate un po’ alla maniera di Google con 4 colori diversi. Prima però dobbiamo fare il login con le nostre credenziali e da lì in poi possiamo visualizzare (o aggiungere e cancellare) i siti dalla lista:

Adesso siamo pronti per il primo tab dell’app Webmaster Tools, ovvero il tab Sites. Queste le 4 aree:

Area Keyword
In questa area ci viene presentato l’elenco in ordine alfabetico delle parole chiave (interne ed esterne) che Google ha trovato nella fase di scansione del sito. Peccato non avere anche il conteggio delle varie occorrenze.

Sitemaps

Troviamo l’elenco dei file sitemap in formato XML che Google ha scaricato e in che data. Inoltre ci viene fornito il numero di url indicizzate dal crawler e se ci sono dei warning relativamente a ciascuna sitemap.

Infine è possibile segnalare a Google il caricamento di una nuova sitemap operando attraverso il pulsante + in alto a sinistra e indicando il percorso al file sul server.

Crawl Errors

Questa è una delle aree più utili, in quanto è come accedere ad una console degli errori di scansione: ci viene fornita una lista di tutte le risorse che, ad esempio, ricevono un errore 404, ovvero di file non trovato, la url esatta e la data e ora in cui il crawler ha ricevuto errore.

Site settings

In quest’ultima sezione possiamo:

  • settare il target geografico a cui presumibilmente il nostro sito web si rivolge;
  • settare il dominio preferito (senza o con www ad esempio);
  • leggere quale è il metodo di verifica scelto da noi sui Webmaster Tools (metatag, pagina html ,ecc.);
  • verificare che il nostro sito è stato correttamente accettato da Google per la verifica.

Se ci spostiamo nel secondo tab, chiamato Messages, possiamo accedere (e cancellare) all’archivio delle notifiche ricevute da Google tramite messaggi:


Infine nel terzo ed ultimo tab (Settings), semplicemente accediamo o ci slogghiamo dal nostro account e possiamo consultare le FAQ online dell’applicazione.

Webmaster Tools è veramente un’App assai utile, leggera e veloce nell’accesso ai dati. Personalmente mi auguro che l’applicazione cresca ancora, andando a fornire sempre più informazioni preziose per chi opera nel campo del SEO e dello sviluppo Web in generale, come ad esempio:

  •  query di ricerca di accesso al sito
  •  numero e lista dei backlinks ricevuti da altri siti

Questo aspetto è però condizionato dalle  funzionalità legate a loro volta alle API fornite da Google stesso.

Nell’ultimo update è stato infine risolto un bug che impediva di fare il login al nostro account Google attraverso un iPhone 3G.
Webmaster Tools, versione 1.0.1, pesa 0.8 MB e si acquista per 0.79 euro sull’App Store.