Lightroom su iPad, Adobe svela un primo prototipo

di Andrea "C. Miller" Nepori Commenta

Sono già tanti i fotografi professionisti che utilizzano l’iPad nell’ambito del proprio lavoro. Il tablet, però, viene spesso utilizzato come mero supporto per un rapido controllo delle immagini o, ancora più spesso, per mostrare rapidamente ai clienti una serie di scatti ancora da selezionare.
Per un livello di utilizzo davvero professionale, servirebbe un tool software più specifico, che permetta di operare sulle immagini direttamente dallo schermo del Tablet. E’ quello che Adobe sta cercando di realizzare con la versione per iPad di Lightroom.

lightroom_ipad_large

Ad oggi l’applicazione è ancora soltanto un prototipo, un po’ lento e zoppicante, ma ci sono già le basi per quello che potrebbe diventare un altro grande successo mobile per Adobe.
Durante un recente episodio (non ancora pubblicato online) di The Grid, video podcast ideato e condotto da Scott Kelby, il boss di Lightroom Tom Hogarty ha mostrato un’anteprima della versione per iPad del software.

Fra le caratteristiche che arriveranno sul programma ci sono:

  • la possibilità di editare foto scattate in raw, utilizzando anche i parametri di sviluppo tipici di Lightroom
  • la sincronizzazione cloud based delle modifiche effettuate su una foto, che verranno così immediatamente riportate sulla foto anche quando verrà scaricata e sincronizzata su Lightromm per Mac o PC
  • La possibilità di fare uno zoom del 100% sull’immagine per verificarne i dettagli e la messa a fuoco.

Non ancora implementata ma in lavorazione anche la possibilità di fare un sorting delle foto già sul dispositivo, in modo da sincronizzare il tutto con la libreria di Lightroom sul computer di lavoro.

LR-tablet-closeup

Non è dato sapere se il lancio della versione per iPad di Lightroom possa coincidere con il lancio ufficiale di Lightroom 5, che per adesso è disponibile sotto forma di beta pubblica.

Già oggi i fotografi più volenterosi possono provare ad inserire l’iPad nel proprio workflow grazie a soluzioni come Photosmith, un’app “Lightroom style” per il tablet che può sincronizzarsi con la libreria di Lightroom su PC e Mac grazie ad un plugin per il software desktop. Ne parlava già qualche mese fa Amadou Diallo sul blog di DPreview. Nulla che possa eventualmente reggere il paragone con una soluzione nativa proposta da Adobe.

[CNET]