Nuovi Mac fine 2009: novità anche nella presentazione?

di Michele Baratelli 19

keynote

L’attesa era ormai giunta a livelli di guardia e Apple, anche questa volta, non ha tradito il suo popolo: senza stravolgerne completamente l’estetica, ecco che i nuovi Mac di fine 2009 sono dei prodotti decisamente rinnovati rispetto alla generazione precedente e all’avanguardia nei confronti della concorrenza.

Nonostante siano intervenuti piccoli stravolgimenti di design che, come scritto sopra, non ne hanno modificato l’essenza, se si analizza quanto avvenuto ieri è possibile trarre un’importante conclusione. Apple sembra aver modificato il metodo di presentazione dei nuovi prodotti come già annunciato all’inizio di quest’anno in risposta alle critiche seguite all’annuncio di non partecipare più al MacWorld. Sempre meno keynote e sempre più informazione attraverso il sito web (e tutta la Apple-sfera che fa da ripetitore). Scelta voluta oppure scelta necessaria per anticipare il lancio di Windows 7 programmato per domani?

Come ieri è stato “il gran giorno” per tutto il popolo Apple, domani lo sarà per un club ancora più numeroso, ovvero tutti i possessori di un PC che vedono Windows 7 come l’ancora di salvezza da Windows Vista che non sarà certamente ricordato tra i sistemi operativi più amati delle storia.

Il rumor che Apple avesse pronti dei nuovi Mac era ormai nell’aria da parecchio tempo e dunque non sorprende che il lancio sia stato effettuato ieri, un “classico” martedì. Fa sorridere invece la stretta vicinanza al lancio mondiale di Windows 7: troppo particolare per essere un caso e non una precisa strategia di marketing.

Per questo ci si interroga sul mancato evento di presentazione di questi nuovi prodotti: un evento speciale come già avvenuto nel periodo che precede il Natale. Tutto ciò può essere interpretato come la voglia di Apple di cercare, come peraltro già indicato, nuove modalità per proporre i propri prodotti. Il mancato mini-keynote, però, può indicare anche l’intenzione di Apple di presentare qualcosa di nuovo con un forte “effetto wow” così da oscurare parzialmente il lancio di Windows 7.

Anticipare un prodotto come il nuovo iMac potrebbe voler essere, secondo “l’Apple-pensiero”, un preciso stratagemma per provare a convincere un acquirente indeciso nella scelta del suo prossimo computer casalingo. Stessa cosa per il Mac mini (con cui lo switcher può ancora usare il proprio monitor) e il Macbook rinnovato che si offre ad un nuovo segmento di mercato.

Vorrei sapere cosa ne pensate: mi spiego. A parte una giustificata tristezza nel non vedere più volte all’anno il nostro amato Steve Jobs su un palco, credete che presentare i nuovi prodotti come avvenuto ieri sia la soluzione migliore oppure è necessario un keynote per capirne meglio i dettagli e innamorarsi immediatamente?