Il Mac Pro rosso era anche verde?

di Redazione Commenta

MacPro-640x387

Un Mac Pro rosso è stato battuto all’asta per quasi un milione di dollari. Quella era unità unica, ma sembra che tutti i Mac Pro che vedrete in giro saranno verdi.

Non di colore verde, ma ecologici. Apple, infatti, ha pubblicato nelle scorse ore un documento nel quale indica quanto ecologico sia produrre un Mac Pro. Certo, non è come coltivare pomodori nell’orto di casa, ma non è male per un computer che esce dagli stabilimenti di una compagnia che Greenpeace ha definito “la meno verde”.

  • Il nuovo Mac Pro ha consumi inferiori del 68% rispetto alla precedente generazione quando non sta lavorando duramente.
  • Il nuovo Mac Pro supera con facilità i requisiti per entrare a fare parte dell’ENERGY STAR Program for Computers Version 6.0 – utilizzando meno della metà dell’energia massima consentita dallo standard.
  • La confezione del nuovo Mac Pro è più piccola dell’82% rispetto e pesa l’84% in meno della precedente generazione di Mac Pro. Questo significa che è possibile trasportare 3 Mac Pro dove prima ce ne stava solo uno.
  • Il nuovo Mac Pro è molto efficiente in termini di consumo dei materiali – ha il 74% in meno di alluminio e acciaio rispetto alla precedente generazione.

Il futuro di una Apple “Green” è  bene evidente. Non solo in questo Mac Pro, ma anche in ambito edilizio. Apple ha infatti scelto di sepndere 5,5 miliardi di dollari per la costruzione del suo secondo Campus, che otterrà il 70% dell’energia richiesta per il suo funzionamento direttamente da celle fotovoltaiche montate sulle strutture che o comporranno, mentre il restante 30% sarà raccolto da fonti di energia rinnovabile in California.

E se state pensando di mettere le mani su un nuovo Mac Pro, l’unica cosa che potete fare è mettervi in coda sull’Apple Online Store. Gli Apple Store australiani hanno cominciato ad invitare gli acquirenti ad effettuare l’acquisto su Apple Online Store, e pare che il computer potrebbe non comparire sugli scaffali di un Apple Retail Store prima del prossimo marzo.

[via]