Apple pronta a pensionare il MacBook Pro da 13”

di Lorenzo Paletti Commenta

macbook_pro_and_retina

Se provate ad aprire la pagina dell’Apple Online Store dedicata ai MacBook vedrete che c’è un rinnegato, in alto a sinistra. È il MacBook Pro da 13 pollici senza Retina Display. È l’ultimo MacBook Pro non Retina venduto da Apple, e oltre ad avere il vecchio design (‘ciccione’ rispetto alla attuale generzione) è anche l’ultimo MacBook Pro a montare un lettore DVD. Questo potrebbe però essere il suo ultimo anno di vita, almeno stando a quanto scrive il DigiTimes.

Le fonti del giornale (non sempre affidabile) sarebbero dei membri della catena di produzione dei computer di Apple. Secondo queste persone Apple fermerà la produzione del MacBook Pro da 13 pollici nella seconda metà del 2014, sostituendo definitivamente la vecchia linea di portatili con i nuovi Pro dotati di Retina Display. La presenza dell’ultimo modello da 13” sull’Apple Store è chiara: fornire un computer economico ma discretamente potente a chi lo volesse comprare. Ma se Apple dovesse riuscire ad abbassare ancora un po’ il prezzo di produzione dei MacBook Pro con Retina Display (come potrebbe avvenire durante il 2014), il 13” non Retina non avrebbe più ragione di esistere.

Se poi non volete credere al DigiTimes, che in effetti non è la più affidabile delle fonti, fidatevi del buon senso. Per quale ragione Apple dovrebbe tenere sul mercato un modello di vecchia generazione se non per fornire un prodotto ad un prezzo più accessibile? Anche Ming-Chi Kuo, analista di KGI Securities che ha un track record di tutto rispetto, assicura che Apple è pronta a pensionare definitivamente il MacBook Pro da 13”, e magari introdurre un nuovo MacBook da 12” con Retina Display che potrebbe diventare il portatile a basso prezzo definitivo. Con una simile dimensione di display, Apple potrebbe utilizzare i pannelli che produce già per iPad mini con Retina Display. Secondo Kuo, questo nuovo MacBook avrebbe un nuovo design ultra-sottile che permetterebbe di unire la portabilità di MacBook Air 11” con la produttività del modello da 13”. Il nuovo MacBook (per il quale non c’è ancora un nome specifico) dovrebbe montare un processore Intel, e non un chip ARM come si vocifera da qualche tempo. Secondo Kuo questo nuovo portatile:

Definirà nuovamente il settore dei computer portatili, diventando una pietra miliare come MacBook Air.

[via]