Apple stringe accordo di esclusiva con Liquidmetal Technologies

di Andrea "C. Miller" Nepori 9

Apple ha stretto un accordo di esclusiva con la californiana Liquidmetal Technologies per la concessione in esclusiva dei diritti d’uso della tecnologia di produzione di leghe metalliche “amorfe” sviluppata dall’azienda.
Grazie a tale “Master Transaction Agreement”, rivelato da un recente documento 8-K depositato presso la SEC da parte della Liquidmetal e scovato dal Baltimore Sun, Apple avrà licenza di sfruttare tutto il portfolio di brevetti dell’azienda nel settore dei dispositivi elettronici mobili. La Liquidmetal Technologies continuerà a detenere i diritti per l’uso della tecnologia in tutte le altre aree merceologiche.
Ma cosa sono le leghe metalliche “amorfe” e perché Apple è così interessata a questa tecnologia?

Con il termine “amorfo” la LiquidTechnologies indica alcune leghe metalliche particolari che hanno una struttura non cristallina, come quella che invece caratterizza tutti i metalli. Questo aspetto permette di superare le barriere costruttive tipiche dei materiali tradizionali e conferisce a queste leghe metalliche alcune caratteristiche peculiari, come una maggior robustezza, un migliore rapporto fra robustezza e peso, un’alta resistenza alla corrosione e al deterioramento e un limite elastico più alto.

E’ molto probabile che in questo accordo vi sia lo zampino del team di progettazione industriale di Jony Ive, che considera i materiali come primo e fondamentale mattone nella progettazione dei nuovi dispositivi (in una recente e rara intervista concessa a Core77 il SVP si faceva portatore di una vera e propria filosofia dei materiali)

Il sito della Liquidmetal Technologies dedica un’intera pagina alla descrizione dei benefici dell’uso dei materiali dell’azienda nell’ambito dell’elettronica di consumo, soprattutto nella realizzazione dei case. Stando alle caratteristiche indicate dall’azienda le scocche dei futuri iPhone, iPod e, perché no, di MacBook e MacBook Pro, qualora utilizzassero una lega “amorfa”, potranno essere più sottili, più leggere e allo stesso tempo molto più resistenti agli urti e meno soggette a graffi e deterioramento.

[via]