Elon Musk e Jony Ive inseparabili al party dopo gli Oscar

di Andrea "C. Miller" Nepori 3

L'automobile di Apple, il progetto misterioso che Cupertino porterebbe avanti rubando ingegneri super-specializzati a destra e a manca, è diventata argomento da gossip hollywodiano. Jony Ive, capo del design di Apple, ha incontrato Elon Musk, fondatore di Tesla, durante l'after-party dei VIP a casa di Madonna.

Musk e Ive erano inseparabili e hanno parlato fitto fitto – di cosa non si sa – per almeno una buona mezz’ora, per poi allontanarsi insieme dalla festa alle 5 del mattino.
Sembra la cronaca di una cotta fra liceali, invece è quanto successo domenica scorsa dopo la notte degli Oscar.

11929-5396-Screen-Shot-2015-02-25-at-103809-AM-l

Jony Ive e la moglie Heather al party di Vanity Fair per gli Oscar

Il CEO di Tesla e il SVP Apple erano fra gli invitati all’afterparty per gente che conta nella villa di Madonna a Coldwater Canyon. Non una location qualsiasi, dicono quelli che di questa roba se ne intendono, ma la location dove si ritrovano ogni anno le persone veramente importanti dopo l’Oscar Party di Vanity Fair.

Un consesso talmente esclusivo, quello di Madonna, che l’accesso è strettamente vietato anche (o soprattutto) a giornalisti e fotografi. Praticamente è la Conferenza Bilderberg, ma con un numero maggiore di attori, cantanti e personaggi tanto famosi quanto privi di alcuna influenza diretta sulle sorti dell’economia mondiale.

L’auto elettrica di Apple, sul cui futuro al momento non si può far altro che stilare oroscopi, è diventata insomma argomento di gossip. Il che, probabilmente, a Cupertino non dispiace neppure troppo, vista la recente svolta “fashion” funzionale al lancio dell’Apple Watch.

C1DB673E-E16B-4471-9AE7-2F55D5161AB3_v0_l

Elon Musk agli Oscar, nel 2014

Cosa si siano detti Musk e Ive sicuramente rimarrà un mistero. Forse il CEO di Tesla si è lamentato con Jony per il modo in cui Apple sta soffiando ingegneri alla sua azienda, a suono di bonus da centinaia di migliaia di dollari e stipendi da capogiro. O forse Elon sperava di riuscire a piazzare una delle sue Model S nel garage di Ive, accanto alla Bentley Mulsanne con cui il designer si reca al lavoro a Cupertino.

No, ecco, è tutto chiaro: Musk voleva vendere ad Ive uno dei suoi razzi Space-X. Pacific Heights – Cupertino in 7 minuti netti, con atterraggio verticale in un piattaforma speciale al centro del Campus 2 di Apple. Sì, mi sembra l’ipotesi più probabile.