Chiedi chi era Steve Jobs, ma non ai parlamentari

di Andrea "C. Miller" Nepori 11

Con il rinnovo di Wired.it è partito anche un nuovo “serial” di Wired TV Italia dall’eloquente titolo di Onorevole Web. In buona sostanza Niccolò Senni gironzola davanti a Montecitorio cercando di intercettare i parlamentari e rivolgere loro qualche domanda a tradimento su argomenti di tecnologia. Un’idea che a onor del vero non è del tutto originale (a Wired lo dicono apertamente). Il richiamo a Le Iene è abbastanza evidente anche nel modo di vestire del buon Niccolò.

In ogni caso mettere in difficoltà i nostri parlamentari con domande che i giornalisti ufficiali non farebbero mai non può che essere una cosa positiva e rivela facilmente la beata ignoranza di una buona parte del parlamento in merito a questioni strettamente legate all’innovazione, sulle quali per altro il parlamento stesso è chiamato a legiferare.

Questa settimana, la domanda era anche piuttosto semplice: chi è Steve Jobs? (Video a seguire).

Tap/click qui per versione del video compatibile con iPad/iPhone

A corredo del quesito principale, altre domandine facili facili sui prodotti Apple. Facili ovviamente per chi ha un minimo di conoscenza in ambito tecnologico ma veri e propri arzigogoli modello “Triplici Incroci Obbligati” della Settimana Enigmistica per buona parte dei deputati intervistati, senza troppe distinzioni fra esponenti della maggioranza e dell’opposizione.

C’è chi se la cava, ovviamente, e a volte le risposte giuste arrivano anche da chi non ti aspetti. In altri casi, la maggior parte, saltano fuori delle risposte buffe, imbarazzate, tipiche dello studentello chiamato alla lavagna proprio il giorno che non ha potuto studiare.

Un consiglio ai colleghi di Wired per la prossima puntata dell’Onorevole Web: picchiate giù duro con qualche domanda sull’abolizione dell’articolo 7 del Decreto Pisanu, “proprio ora che la metà è qui vicino”, per dirla coi Rokes. Del resto anche Wired sta seguendo l’evolversi della situazione.

Il Ministro Brunetta sostiene che già dal prossimo Consiglio Dei Ministri “si potrà liberare la rete”. Siamo curiosi di sapere se il Parlamento (a parte Gentiloni, Lanzillotta e Barbareschi – i promotori dell’iniziativa trasversale di abolizione dell’articolo) è al corrente dell’importanza e della necessità di questo cambiamento.

Link: Onorevole Web- Steve Jobs. Chi era costui?