Microsoft introduce l’opzione “downgrade to XP” agli utenti Business e Ultimate

di Michele Milanese 1

vistaerror.jpg

Che Windows Vista sia stato accolto freddamente dalle industrie non è una novità: è un eufemismo.

Certo, il nuovo sistema operativo di Microsoft, nonostante i sette anni di sviluppo è uscito piuttosto immaturo per un pubblico professionale.
Però che la stessa Microsoft lo pugnalasse alle spalle è una mossa che sinceramente stento a capire.

Infatti chi compra un computer Lenovo, HP, Fujitsu o Dell con Windows Vista installato può adesso decidere di fare un downgrade alla precedente versione di Windows.
Il tutto, ovviamente, con il beneplacito di Microsoft che ancora continua a vendere il vecchio sistema operativo ai produttori di computer.

Vista potrebbe essere il classico bimbo ucciso in culla dai genitori, se non fosse che a Redmond non sono pronti ad offrire alternative.

Trattamento impressionante, se si considera che Steve Jobs aveva parlato dell’iPod Hi-Fi come di un prodotto rivoluzionario e qui un’intera azienda non riesce che a parlar male di un prodotto che gli è costato quasi un decennio di sviluppo.

Curiosamente per avere XP bisogna esser pronti a sborsare abbastanza da comperarsi un computer con la versione Business o Ultimate, mentre chi ha le altre versioni dovrà accontentarsi di comperare una licenza usata o di tenersi un sistema operativo che per stessa ammissione di chi lo vende tanto buono non è.

Vi lascio con una vignetta tratta dal sito Joy of Tech: una riflessione che gli utenti Mac di sicuro han già fatto, ma che può tornare utile per risollevare il morale del vostro amico che ha appena comperato il PC nuovo (cliccate l’immagine per vederla in tutto il suo splendore):

vignettavista.jpg