Lily Allen denuncia Apple

di Luca Iannario 4

Oggi spezziamo il continuo flusso di rumor e novità sui prodotti Apple con una notizia che potrebbe essere classificata come “gossip” per il mondo dello spettacolo. Come avrete intuito dal titolo, la protagonista della vicenda è la cantante Lily Allen che, forse per passare il tempo durante la sua maternità, ha deciso di sporgere denuncia nei confronti dell’azienda di Cupertino.

Perchè? Dopo aver subito un attacco informatico (del quale non si conoscono molti dettagli) ai danni del suo MacBook, l’artista ha richiesto, invano, un intervento dell’assistenza Apple. In base a quanto riportato dal The Sun, procedere legalmente contro Apple era l’unico modo che la Allen aveva per ricevere informazioni sulle modalità dell’attacco subito.

Vedendosi rifiutare ogni richiesta di aiuto e/o spiegazione da parte dei tecnici dell’azienda californiana, la settimana scorsa i suoi legali hanno depositato tutti gli incartamenti necessari presso la Corte Suprema di Giustizia di Londra. Secondo le persone a conoscenza dei fatti, tuttavia, la causa è più un modo per risalire alla radice dell’attacco che un mezzo per mettere in discussione l’operato di Apple.

Del resto, è curioso scoprire come la Future Cut Production, lo studio di produzione che ha permesso il successo di diverse canzoni della Allen utilizzi esclusivamente Logic Pro per creare gli album della giovane cantante.

Come si può leggere in un articolo presente sul sito Apple UK, “La tecnologia di Apple è stata anche uno strumento per il suo [della Allen] successo. Future Cut ha utilizzato un Power Mac G5 con Logic Pro per creare Smile in un piccolo studio con una camera vocale ancora più piccola”. “Di questi tempi, non è necessario uno studio enorme per avere un grande successo”, spiegano Darren Lewis e Tunde Babalola, fondatori di Future Cut Production.

[via]