Jobs entra a far parte della California Hall of Fame

di Andrea "C. Miller" Nepori Commenta

jobs-hall-of-fame-1.jpg
Courtesy of Gizmodo

Periodo di grandi soddisfazioni e riconoscimenti per Big Steve Jobs. Dopo essere stato scelto da Fortune come businessman più potente d’America, da martedì scorso il CEO di Apple è ufficialmente entrato a far parte della California Hall of Fame, una recente istituzione fortemente voluta dal Governatore Schwarzenegger e dalla moglie Maria Shriver, finalizzata alla promozione della storia, delle personalità e della cultura dello stato della West Coast.

La cerimonia della consegna della medaglia simbolo dell’onorificenza è stata officiata dal governatore e dalla first lady e si è svolta presso il California Museum of History, Women and Arts di Sacramento.

hall2.jpg

Jobs, presentato come “the genius”, indossava jeans e golf girocollo nero d’ordinanza a scapito dell’etichetta formale; fra gli altri premiati anche nomi di spicco come il golfista Tiger Woods, Liz Taylor (non presente alla cerimonia) e, fra le personalità del passato, John Wayne , lo scopritore del vaccino antipolio J.Salk e lo scrittore John Steinbeck.

Al momento della premiazione, accompagnato dalla canzone Revolution dei Beatles, un visibilmente imbarazzato Jobs è salito sul palco dove il governatore Schwarzenegger lo ha insignito della medaglia simbolo della Hall of Fame.

hall.jpg

La first lady Maria Shriver rivelando ai microfoni della NBC che non era stato facile convincere Jobs a partecipare alla cerimonia ha detto di lui:

“Cerca sempre un equilibrio fra lavoro, figli e famiglia e non ama essere posto al centro dell’attenzione. Crede fermamente che sia Apple la stella della Silicon Valley e non lui.”

 

hall1.jpg

Un accoglienza da vera star e una importante consacrazione per il “genio”, la cui premiazione è stata introdotta da un discorso di presentazione pronunciato da Rachel Robinson, l’anziana vedova del giocatore di baseball Jackie Robinson, presente per ritirare l’onorificenza alla memoria del marito:

“C’è chi sogna il futuro, c’è chi specula sul futuro; Steve Jobs ha creato il futuro. […] Studente di Cupertino che aveva abbandonato l’università, visionario senza credenziali ne esperienza, venne a conoscenza del progetto del primo vero home computer che l’amico Steve Wozniack stava costruendo per se e intuì un mondo di possibilità innovative. […] Seguirono trent’anni di idee sempre più grandi e prodotti sempre più miniaturizzati: ogni scrivania divenne una connessione col mondo intero, ogni tasca divenne un jukebox, il palmo di ogni mano un centro di comunicazione globale, ogni sua invenzione dava vita a nuove re-invensioni: dapprima Steve Jobs ci diede un mondo interamente collegato (wired), oggi sta creando un universo wireless. […]Prima fu Apple, poi NeXT e poi Pixar, con cui trasformò i cartoni in due dimensioni in un’innovativa forma d’arte in tre dimensioni.[…]Lo Stato della California rende onore a Steve Jobs che vide il il futuro e invitò tutti noi a condividere con lui il viaggio verso di esso.”

Trovate il video completo della cerimonia su Google Video a questo indirizzo. La premiazione di Steve Jobs inizia al minuto 36:00 del filmato (Courtesy of The California Museum for history, women & arts).

[ via | setteB.IT | Gizmodo.com.au ]