Steve e il Macintosh, la litografia da collezione di Norman Seeff

di Andrea "C. Miller" Nepori Commenta

Ci sono buone probabilità che ogni nostro lettore conosca già la foto di Steve Jobs qui a sinistra. L’abbiamo pubblicata moltissime volte qui su TAL, c’era una gigantografia di questa foto su uno degli edifici del campus Apple durante la commemorazione pubblica di qualche mese fa e Time l’ha messa in copertina sul numero dedicato a Steve dopo la sua morte. Ma soprattutto questa è la foto che campeggia sul retro della biografia ufficiale scritta da Walter Isaacson.
Quello scatto fu realizzato negli anni ’80 da Norman Seeff, fotografo già famoso al tempo per i suoi ritratti di star della musica e del calibro di Joni Mitchell, Miles Davis, Patti Smith, Johnny Cash e molti altri.
Ora l’autore ha realizzato una serie limitata di 300 litografie (66cm x 86cm), firmate a mano, disponibili per 125$ più spese di spedizione. iPhone Savior ha pubblicato un’interessante intervista con Seeff per pubblicizzare il lancio delle litografie nella quale il fotografo svela alcuni dei retroscena di quello scatto e di altri di quella serie.


Seeff fu chiamato a Cupertino nel 1984 per immortalare tutto il Macintosh Team. L’intenzione era di dedicare una sessione unicamente a Steve che si tenne presso la casa di Jobs a Woodside. Era la famosa Jackling House, demolita l’anno scorso, nella quale Steve visse, più o meno senza mobili, fino alla fine degli anni ’80.

La foto con Steve seduto in padmasana non fu assolutamente posata. Seeff era solito mettere i propri soggetti a proprio agio cercando di creare un ambiente familiare in cui la macchina fotografica potesse diventare quasi invisibile. Era il modo migliore per ottenere scatti che fossero il più possibile “naturali”.

“Era ispiratissimo in quel momento e mi disse ‘torno subito'” racconta Seeff. “Dopodiché corse fuori dalla stanza per tornare subito con il nuovo Mac, che appoggiò in terra.
Quindi non pensammo ad un’idea, fu solo un attimo. […]
Avremmo potuto concettualizzare e dire ‘mettiti nella posizione del loto così da sembrare un guru e mettiamo il Mac sul tuo grembo, fammi trovare l’angolo giusto e guardami’. Non successe niente di tutto ciò”.

L’intervista completa a Norman Seeff è disponibile su iPhone Savior. Le litografie si possono acquistare dal sito di Seeff. C’è anche una versione più economica, non firmata e illimitata, che costa 75$ più spedizione.