Apple nella top 20 dei brand mondiali

di Andrea "C. Miller" Nepori 1

bgb_header

Interbrand ha pubblicato la classifica 2009 dei 100 più forti marchi al mondo. Per la prima volta Apple entra a far parte della top 20 in questa particolare chart che misura la potenza del brand di aziende dei più variegati settori. Il valore del marchio Apple è cresciuto del 12% rispetto al 2008 raggiungendo il valore di 15,4 miliardi di dollari.

Tale valore viene calcolato da Interbrand per ciascun marchio tenendo conto di un buon numero di fattori concomitanti. Per poter entrare a far parte di questa classifica una azienda deve incassare almeno un terzo dei propri profitti in mercati esteri rispetto al proprio paese di origine. E’ per questo che molti marchi statunitensi non sono presenti.

Apple passa dal 24° posto del 2008 al 20° del 2009 grazie soprattutto alle ottime vendite degli iPod (in particolar modo quelle di iPod touch) e grazie anche all’abbassamento dei prezzi su quasi tutta la gamma Mac, una mossa che ha migliorato sensibilmente la già ottima percezione del marchio da parte dei consumatori. Interbrand nota inoltre come Apple, fra i marchi relativamente giovani, sia sicuramente uno dei più iconici e riconoscibili, nonché uno dei più supportati dal consumatore medio.

Nella classifica 2009 salgono anche le aziende Internet-based come Google, al 7° posto, e Amazon, 43° posto. Mediamente stabili altri giganti del settore informatico come Microsoft (che non molla un notevole 3° posto) e Intel (9° posto), nonostante una perdita rispettivamente del 4% e del 2% sul valore del marchio. Va peggio per Dell il cui brand risente dell’annus horribilis attraversato dall’azienda: il marchio del noto produttore di PC perde il 12% del suo valore.

Anche se Apple si è piazzata al ventesimo posto, c’è un pizzico di Steve Jobs anche nella top ten, dove Disney occupa il 10° posto con un brand-value di 28,44 miliardi di dollari. In testa alla classica l’ubiquitario brand di Coca Cola.