App Store: novità sulle recensioni

di Michele Baratelli Commenta

App Store, il negozio online di Apple per le applicazioni per iPhone e iPod touch è da tempo nell’occhio del ciclone per via della politica fin troppo censoria di Apple stessa: alcune applicazioni in un primo momento approvate, come sapete, sono state tolte dal mercato anche se non in violazioni con i dettami di SDK. Ora Apple interviene ancora in veste di censore, ma, a nostro giudizio in maniera più intelligente di quanto avvenuto fino ad ora: solo coloro che acquistano una applicazione possono rilasciare le proprie opinioni tramite il commento. Finalmente un po’ di ordine tra gli scaffali virtuali, sempre super affollati, di App Store.

Acquistare a scatola vuota non è mai consigliabile ed è una pratica anche poco seguita: l’utente di App Store cerca spesso delle recensioni o almeno dei pareri sull’applicazione che vorrebbe acquistare. Difficile dire se il problema sia solo economico, alla fine 0.79 Euro di certe applicazioni non sono una cifra così impossibile, oppure solo un problema di conoscenza di ciò che si acquista. Come scritto sopra, l’utente moderno e “al passo con le moderne tecnologie” difficilmente acquista a scatola vuota: è davvero facile trovare in rete opinioni su qualsiasi tipo di prodotto in vendita.

App Store vuole facilitare le cose e così, come iTunes Store (il fratello maggiore), permette di rilasciare le proprie opinioni sui vari prodotti in vendita: opinioni che, a volte, sembrano davvero strane e poco coerenti col prodotto di cui dovrebbero trattare. A volte a rilasciare questi commenti erano persone che non avevano nemmeno acquistato l’applicazione in questione. Il risultato: commenti spesso forvianti che trattano di un qualcosa assolutamente sconosciuto.

Ecco che Apple è corsa ai ripari per arginare questa situazione: vogliamo immaginare che a lamentarsi dei commenti “strani”, oltre agli utenti, possano essere stati anche i produttori stessi che vedevano denigrato il prodotto di tanti sforzi senza che i commentatori ne avessero la piena facoltà.

Dunque ora l’utente, che cerca di immettere un commento riguardo a una applicazione che non ha acquistato, riceverà un messaggio di errore come quello contenuto nell’immagine proposta a inizio articolo.

Grazie Apple per aver saputo arginare in tempi davvero ridotti questa spiacevole situazione. Ora cerca di spiegarmi un’altra “spiacevole situazione“: perché posso usare l’iPhone redazionale regolarmente come modem grazie a NetShare mentre non posso fare altrettanto con il mio iPhone personale dato che il programma in questione è scomparso da App Store tanto velocemente quanto le pizzette agli aperitivi?

[via]