Pioggia di azioni in casa Apple

di Giuseppe Benevento 6

SVP Apple ricevono azioni come premio - The Apple LoungeSe vi state chiedendo cosa abbiano da ridere i Senior Vice President nell’immagine di apertura, provate ad immaginare se qualcuno ricompensasse il vostro lavoro con una pioggia di azioni “di tanto in tanto”. Questo è ciò che è successo anche ultimamente, come trapela da alcuni documenti della SEC (il corrispettivo U.S.A. della nostra CONSOB), proprio per i magnifici sei della foto.

Il premio di produzione (diciamolo all’italiana) consiste in 150000 azioni AAPL a cranio. Azioni che ad un valore di circa 400 US$ l’una fanno una cifra che, centesimo più centesimo meno, corrisponde ad una sessantina di milioni di dollari dello zio Sam. Chi non avrebbe da ridere con cifre del genere!? Ma… c’è sempre un ma.

Il “ma” è dovuto al fatto che nessuno dei magnifici sei potrà intascare un centesimo nel breve termine. Esistono alcune condizioni quali il mantenimento del 50% delle azioni nel proprio portfolio almeno fino al 21 giugno 2013. Dopo questa data, il 50% de quo potrà essere venduto intascandone i ricavi. Per il rimanente 50%, invece, i sei dovranno attendere il 21 marzo 2016.

Cosa significa questo premio? I più maligni penseranno che si tratti di un modo per mantenere alcuni tra i migliori manager che il pianeta possa offrire all’interno dell’azienda co-fondata da Steve Jobs dopo la sua prematura dipartita. In molti, infatti, pensano che Apple abbia perso la sua vera anima e che la “barca” prima o poi affonderà senza il suo carismatico capitano. Con un “regalo” del genere fatto ai sei SVP, invece, si spingerà questi a continuare ad avere un impegno massimo per mantenere la Mela al top anche con al timone un capitano come Tim Cook che è sicuramente molto diverso dal sue predecessore. Un qualcosa del tipo “più e meglio lavori e più guadagnerai alla fine. Garantito al 100%”.

Altri, conti alla mano, potrebbero pensare che un premio del genere rappresenti l’asso nella manica di Apple per il dopo Jobs. Dopo la scomparsa dell’iCeo si è molto parlato del tesoretto di Apple. Non fatto di contanti, azioni e immobili bensì di idee di prodotti futuri belli e pronti o in stato avanzato di progettazione che dovrebbero coprire un periodo di rilasci di quattro o cinque anni. Probabilmente queste azioni-premio hanno un significato ben preciso. Nella road map di Apple si è certi (o quasi) di poter restare sulla cresta dell’onda fino al 2013. Dal 2013 fino al 2016 dovranno essere i SVP ed i loro team a completare l’ottimo lavoro che hanno fatto fino ad ora.

Eddy Cue SVP Apple riceve azioni - The Apple LoungeCon le 900000 azioni ai magnifici sei, salgono ad un milione le azioni distribuite nell’ultimo periodo. Proprio pochi giorni fa, infatti, Apple aveva ricompensato con 100000 azioni il nuovo SVP Eddy Cue (per un valore di circa una quarantina di milioni di US$) con un “ma” simile a quello dei suoi colleghi. Nel caso di Cue, il 25% delle azioni di quest’ultimo dovranno rimanere nel portfolio del SVP fino al 21 settembre 2014, mentre il restante 75% non potrà essere ceduto fino al 21 settembre 2016.

Per tutti i SVP (i magnifici sei più Cue) esiste poi un ulteriore vincolo. Le azioni con scadenza 2016 rimarranno a loro disposizione a patto che rimangano a lavorare per la Mela. Certo non si può dire che Apple non sappia ricompensare i suoi dirigenti. Ma certo è anche che in questo modo Apple ha costruito una prigione dorata (nel vero senso della parola) attorno a loro.

Infine, giusto per completezza, ricordiamo che che il neoCeo Tim Cook aveva già ricevuto un milione di azioni con termini fissati al 2016 ed al 2021. Quasi a confermare che per i prossimi 4-5 anni Apple abbia le spalle quasi del tutto coperte e poi ci sarà bisogno di mostrare davvero quello che l’azienda è in grado di fare senza Steve Jobs.

L’unico tagliato fuori da questi bonus è, per ora, Jonathan Ive. Si tratta dell’unico SVP di Apple che gode di veri poteri propri ed anche la sua retribuzione ed i suoi bonus sono da considerarsi a parte. Come ogni cosa che lo riguarda. Questo grazie al fu Jobs che ha trasformato Ive nell’unico vero intoccabile della Mela. L’iCeo intuì fin da subito il talento e l’importanza della figura chiave Ive. Ma siamo sicuri che anche per lui, in un modo o in un altro, arriverà (se non fosse già arrivata sotto altra forma) la giusta ricompensa.

Vedremo cosa i SVP di Apple ci “regaleranno” nel tempo sotto la guida di Tim Cook. Nel frattempo, diteci nei commenti come interpretate questi bonus ai SVP di Apple.

[via]