Cook: “Apple Watch è il primo smartwatch che conta davvero”

di Redazione Commenta

In una intervista a Fast Company, Tim Cook sostiene che Apple Watch è il primo smartwatch che conta davvero, questo perché stato prodotto con la cura per il dettaglio tipica di Apple.

130521141911-tim-cook-hero-tax-code-614xa

In una nuova intervista esclusiva rilasciata a Fast Company, il CEO di Apple Tim Cook parla dei rivali di Apple e di Apple Watch, definendolo “il primo smartwatch moderno”.

Cook spiega che Apple ha riflettuto molto sui modi in cui è possibile interagire con Apple Watch, pensando ad esso non come ad uno smartphone o un tablet, ma come un nuovo tipo di prodotto tecnologico. La maggior parte delle compagnie, aggiunge Cook, non ha posto la stessa attenzione al dettaglio, e i risultati si vedono:

Non siamo stati i primi a produrre un lettore MP3, non siamo stati i primi a produrre un tablet; non siamo stati i primi a produrre uno smartphone. Ma siamo stati i primi a produrre uno smartphone moderno, e saremo i primi a produrre uno smartwatch moderno – il primo che conti davvero.

La gente non ha mai realizzato davvero di volere un iPod, e non ha mai realizzato di volere un iPhone. E iPad è stato criticato da subito. Le critiche dicevano: “Perché dovrebbe servirmi questo prodotto?”. Onestamente credo che ogni prodotto rivoluzionario che abbiamo prodotto sia stato sottovalutato durante il lancio. È stato solo in retrospettiva che la gente è stata in grado di vederne il valore. E forse questo [Apple Watch] sarà ricevuto nello stesso modo.

Cook prosegue sostenendo che la più grande contribuzione alla creazione di questo prodotto arriva da Steve Jobs, che nei suoi ultimi anni ad Apple ha insegnato ai suoi Senior VP e dipendenti come ragione Apple. E sotto l’ala di Cook Apple ha cercato una collaborazione sempre maggiore tra i vari settori di Cupertino.

Abbiamo alzato il volume della collaborazione perché è così chiaro che per ottenere un successo incredibile dobbiamo essere i migliori nella collaborazione. La magia di Apple, dal punto di vista del prodotto, succede nell’intersezione tra hardware, software e servizi. È una intersezione. Senza collaborazione ottieni un prodotto Windows. C’è una compagnia che produce un sistema operativo, un’altra che produce dell’hardware, e una terza che fa ancora qualcosa di diverso. Questo è quello che succede ora con Android. Quando consideri tutto questo è impossibile che sia un bene per l’esperienza dell’utente.

Cook prosegue sostenendo che le rivoluzioni vanno pagate con il prezzo del rischio. Una strada che Microsoft non ha mai voluto seguire:

Parte della ragione per la quale Microsoft ha incontrato il problema è che non avevano modo di allontanarsi dai prodotti storici. Apple ha sempre avuto l’abitudine di prendere decisioni estreme per cambiare strada. Siamo stati i primi a rimuovere il floppy disk quando era ancora di successo tra gli utenti. Invece di fare le cose in maniera tradizionale per minimizzare il rischio, abbiamo scelto di rimuovere il lettore di CD, che le persone amavano. Abbiamo cambiato il nostro connettore, anche se molte persone amavano il connettore Dock a 30 pin. Alcune di queste cose non sono state popolari per un certo periodo. Ma devi essere disposto ad allontanarti dalla riva e prendere il largo. E noi continuiamo a farlo.

L’ultimo esempio è il nuovo MacBook, dotato di un solo connettore.

[via]