Apple Watch, la batteria si potrà sostituire

di Giovanni Biasi Commenta

Nonostante non si abbia idea dei dettagli riguardanti prezzo e modalità, oggi sappiamo che la batteria di Apple Watch potrà essere sostituita. È un portavoce di Apple a confermarlo direttamente a TechCrunch.

Apple-Watch-Evento-9-marzo-19.32.23

Dopo l’evento di due giorni fa allo Yerba Buena Center di San Francisco, emergono nuovi interessanti dettagli riguardo Apple Watch, il nuovo dispositivo Apple che uscirà sul mercato statunitense ed in alcuni paesi europei (ma non ancora in Italia) il prossimo 24 Aprile. Dopo l’evento, un portavoce Apple ha confermato a TechCrunch che la batteria di Apple Watch si potrà sostituire. E al momento sappiamo soltanto questo: non c’è alcun dettaglio relativo al costo di tale processo né alle modalità. In ogni caso manca ancora più di un mese prima che Watch tocchi i primi mercati su cui sarà commercializzato, ed è quindi chiaro che prima di allora avremo tutte le informazioni che ci servono anche in merito alla sostituzione della batteria. 

Gli utenti Apple Watch saranno in grado di sostituirne la batteria. Un portavoce Apple ha confermato a TechCrunch che la “batteria è sostituibile”. Non è tuttavia chiaro quanto costerà spedire il dispositivo ad Apple per riceverlo con una nuova batteria.

L’altro dettaglio mancante riguarda il processore. Non è chiaro se Apple offrirà qualche tipo di aggiornamento in termini di CPU/RAM per chi possederà già il dispositivo. Fino a questo momento Apple non ha risposto alle nostre domande.

La batteria di Apple Watch ha rappresentato da mesi un grande punto interrogativo, almeno fino all’evento Spring Forward. Sul palco californiano, infatti, Tim Cook ha parlato di un’autonomia di 18 ore con uso moderato – e quindi circa 90 controlli di orario, 90 notifiche, 45 minuti di utilizzo di app e 30 minuti di esercizio fisico con musica in Bluetooth.

Apple Watch, come già accennato, uscirà il 24 Aprile, e sarà disponibile per il preorder il giorno 10 dello stesso mese. Non per l’Italia, però: la prima ondata di Paesi a ricevere il nuovo wearable di Cupertino è rappresentata da Stati Uniti, Australia, Canada, Cina, Francia, Germania, Hong Kong, Giappone e Regno Unito.

via | Mac Rumors