Siri su Apple TV non arriverà in Italia

di Andrea "C. Miller" Nepori 2

All'evento del 9 settembre Apple ha introdotto una nuova versione potenziata di Apple TV. A rendere speciale il nuovo prodotto è soprattutto il "Siricomando", il nuovo Apple Remote con microfono e touchpad. Ma Siri sul telecomando non sarà disponibile in Italia al lancio.

Prima doccia fredda per gli utenti italiani: la versione della Apple TV che arriverà nel nostro paese nei prossimi mesi non avrà Siri. La presenza dell’assistente virtuale sarà limitata in un primo momento ad un numero ridotto di paesi, solo 8. Le ragioni non sono chiare, ma probabilmente lo sviluppo delle funzionalità avanzate di Siri su Apple TV è legato anche agli accordi sui contenuti, che vedono tagliata fuori l’Italia per l’assenza di quasi tutti i servizi che permettono di attivare la ricerca universale (anche se Netflix, si dice, è pronto a sbarcare anche da noi).

evento-apple-9-settembre-2015-20.09.23

L’informazione arriva dalla documentazione di tv OS per gli sviluppatori, dove si legge che la Apple TV verrà distribuita in due versioni. Una dotata dell’Apple Remote abilitato all’attivazione di Siri, l’altra provvista di un telecomando identico e dotato delle stesse funzioni, ma privo della possibilità di accedere al controllo vocale tramite l’assistente virtuale. Premendo il bottone di Siri su quest’ultima versione della Apple TV l’utente provvederà ad attivare semplicemente il campo di ricerca.

I paesi “fortunati” in cui Apple TV di nuova generazione sarà da subito disponibile con Siri sono questi: Australia, Canada, Francia, Germania, Giappone, Spagna, UK e Stati Uniti.

I documenti tecnici della nuova Apple TV svelano un altro dettaglio relativo alle app disponibili per il nuovo dispositivo: il limite iniziale per la dimensione delle applicazioni sarà di soli 200 MB. Un limite che ricorda quello che inizialmente Apple aveva imposto per le applicazioni per iPhone, al lancio dello Store. Sarà interessante capire come potranno aggirare il problema gli sviluppatori di giochi, visto che alcuni titoli importanti per iPhone e iPad, che su Apple TV non potranno mancare, superano già abbondantemente il gigabyte.

[via]