Google TV presto sarà Android TV

di Lorenzo Paletti 1

google-tv-131010

Apple TV è solo un hobby per Cupertino, ma i numeri del set-top box di Apple sono sempre più alti. Nel frattempo la concorrenza fatica a farsi strada nel salotto, e persino Google, con la sua Google TV, non ha avuto grande successo. Ecco perché pare che Mountain View intenda utilizzare con Google TV la carta vincente: Android.

Google TV potrebbe già essere morta, mentre sembra che Google stia già preparando la piattaforma di nuova generazione che sarà chiamata Android TV. Il fatto che Google TV sia ormai un fallimento lo dimostra il fatto che nessun produttore di set-top box sceglie di installare la piattaforma di Google, mentre persino alla Google I/O di questa estate il settore TV era relegato ad un piccolo angolo (mentre veniva data molta più attenzione a Chromecast, che però non è affatto la stessa cosa).

Rinominare e rilanciare il settore di Google TV permetterebbe a Mountain View di sfruttare l’unico nome che riesce a tenere testa ad iOS e iPhone. Lanciata tre anni fa, Google TV ha faticato a prendere piede nel mercato, nonostante le ottime promesse di Eric Schmidt che, nel 2011, aveva dichiarato che: “la maggioranza dei televisori, di qui a un anno, avrà installato Google TV”. La piattaforma si è ridotta ora ad un sistema complicato da impostare lasciato principalmente agli smanettoni da salotto.

Google, nel frattempo, sembra avere perso interesse nel progetto. Non ha rilasciato alcun particolare aggiornamento e non ha nemmeno tentato di rilanciare il servizio (fino ad ora). In compenso ha presentato, proprio negli scorsi mesi, Chromecast, una chiavetta HDMI da collegare al retro del proprio televisore tramite la quale è possibile avviare la riproduzione di contenuti multimediali in streaming dal proprio tablet, smartphone o computer.

Apple TV, nel frattempo, si è guadagnata il 56 percento di quota di mercato quando si tratta di dispositivi per lo straming di contenuti da Internet, mentre il suo competitore più vicino, Roku, si accontenta di un 21,5 percento.

[via]