Dietro front, estensioni con calcolatrici di nuovo ammesse su App Store

di Lorenzo Paletti Commenta

I widget di centro notifiche non possono fare calcoli. È quello che Apple ha detto allo sviluppatore di PCalc, James Thomson, quando ha lo ha invitato a rimuovere il widget dalla sua applicazione. Ora, però, Apple sembra tornare sui suoi passi.

pcalc-250x398-1

I widget di centro notifiche non possono fare calcoli. È quello che Apple ha detto allo sviluppatore di PCalc, James Thomson, quando ha lo ha invitato a rimuovere il widget dalla sua applicazione. Ora, però, Apple sembra tornare sui suoi passi.

A seguito del boom mediatico che la questione ha suscitato sulla rete, Cupertino ha ritrattato la decisione e lascerà la possibilità di avere una calcolatrice in Centro Notifiche. A confermarlo è stato un portavoce di Apple con una dichiarazione a TechCrunch.

PCalc aveva introdotto il widget per il Centro Notifiche poco dopo il lancio di iOS 8. Apple non aveva inizialmente previsto un simile utilizzo per le notifiche, e le linee guida degli sviluppatori non impedivano la possibilità di creare una calcolatrice in una notifica. Uno sviluppatore aveva però commentato l’app di Thomson sostenendo che Apple non avrebbe apprezzato un simile utilizzo delle notifiche.

Cupertino, a seguito del tam-tam nato attorno al PCalc, ha rivalutato l’approvazione dell’app e dei suoi widget, cambiato le policy per l’approvazione e invitato Thomson a rimuovere il suo widget dalla celebre applicazione per iOS.

PCalc è stata una delle primissime applicazioni ad essere aggiornata con il supporto ai widget di iOS 8, e proprio per questa ragione Apple l’ha ampiamente sponsorizzata sulle pagine del suo App Store come una delle migliori applicazioni da installare sull’ultima iterazione di iOS.

È capitato più volte che Apple approvasse una applicazione su App Store solo per rimuoverla pochi giorni dopo. È invece difficile ricordare un caso come questo, dove Cupertino sia tornata sui suoi passi per permettere la sopravvivenza dell’app (o, in questo caso, di una sua parte) su App Store.

Thompson, nel frattempo, ha già ricevuto una telefonata da Apple che gli ricordava che non avrebbe dovuto rimuovere il widget dalla sua applicazione.

via