Apple e gli acquisti in-app accidentali: fino a 32 milioni di dollari per rimborsare le famiglie

di Giovanni Biasi Commenta

apple acquisti in-app

Apple ha appena raggiunto un accordo con la U.S. Federal Trade Commission riguardo gli acquisti in-app tramite l’App Store. Lo ha scritto Tim Cook ai suoi dipendenti, specificando come non ci fosse altra scelta. La questione riguarda gli acquisti in-app involontari: l’accordo parla di un tetto di 32 milioni di dollari con i quali rimborsare i genitori i cui figli avessero effettuato acquisti in-app non autorizzati. 

Buona parte della preoccupazione della FTC riguardava la finestra temporale di quindici minuti aperta dopo aver digitato per la prima volta la propria password su App Store. Per quei quindici minuti è possibile effettuare qualsiasi acquisto (quindi anche in-app) senza bisogno di digitare nuovamente il proprio codice segreto. Adesso, Apple è costretta ad inserire un avviso riguardante proprio questa finestra temporale, in modo da ottenere “il consenso espresso” degli utenti.

Di seguito alcuni estratti dalla lettera di Cook ai suoi dipendenti.

Team,

Voglio farvi sapere se Apple ha raggiunto un accordo con la U.S. Federal Trade Commission. Abbiamo negoziato con l’FTC per diversi mesi riguardo la funzionalità di acquisto in-app dell’App Store, perché è capitato che alcuni tra gli utenti più piccoli siano stati in grado di effettuare acquisti senza il consenso dei genitori. So che questo annuncio sarà una sorpresa per molti di voi, dal momento che Apple ha guidato l’industria rendendo l’App Store un posto sicuro per gli acquirenti di tutte le età.

[…]

Introducendo gli acquisti in-app nel 2009, abbiamo offerto ai genitori l’opportunità di disabilitare la funzione con un semplice tasto. Abilitando gli acquisti in-app, e inserendo una password per il download dell’app, l’App Store avrebbe permesso acquisti per 15 minuti senza richiedere la password. Si tratta di una finestra temporale che esiste fin dal lancio di App Store nel 2008, ed è stata introdotta per rendere l’App Store facile da usare, ma alcuni consumatori più giovani hanno scoperto che avrebbe permesso loro di effettuare acquisti in-app senza il permesso dei genitori.

Alcuni acquirenti ci hanno fatto notare come fosse troppo facile effettuare acquisti in-app, quindi ci siamo impegnati per prendere provvedimenti. Abbiamo anche introdotto passaggi ulteriori che fossero utili ai genitori

L’anno scorso ci siamo impegnati per rimborsare ogni acquisto in-app fosse stato effettuato senza il permesso di un genitore. Abbiamo voluto contattare ogni acquirente che avesse potuto essere coinvolto, quindi abbiamo inviato email a 28 milioni di acquirenti – chiunque avesse effettuato un acquisto in-app all’interno di un gioco per bambini. Alcune email non sono arrivate ai destinatari, e allora abbiamo spedito una lettera ai genitori. In tutto, abbiamo ricevuto 37.000 reclami, e ci impegneremo a rimborsarli tutti come promesso.

Cook continua sottolineando come, nonostante un giudice federale avesse approvato le cose e chiuso il caso, si sia introdotta l’FTC proponendo un nuovo accordo, che Apple ha sentito il dovere di accettare per non perdersi in una lunga battaglia legale.

via | Mac Rumors