Da [email protected] la qualità sonora è di casa grazie ad AVS

di Michele Baratelli Commenta

Particolare pomeriggio quello passato ieri da parte della redazione di TAL: siamo stati infatti ospiti del negozio [email protected] di Milano per un evento molto particolare. [email protected] è solito organizzare alcuni interessanti “corsi” che in questo caso si sono rivelati come un vero e proprio incontro informale in cui si mescolano in maniera sapiente momenti di informazione e chiacchierate tra amanti dei prodotti con la meletta. Fulcro dell’appuntamento di ieri è stata la presentazione del sistema audio di AVS che, grazie all’utilizzo di un particolare software che gira su qualsiasi Mac Intel (si, anche il vostro vecchio Mac Mini), permette di ottenere una qualità sonora senza precedenti. Parola di chi ha “l’orecchio fino”.

L’ospitalità è di casa da [email protected] che ricordiamo essere un rivenditore Apple nato da un nocciolo duro di appassionati Mac nel 1998. Sede dopo sede, un salto di qualità per volta, con immutata passione, competenza e professionalità, [email protected] è divenuto nel 2003 il primo Apple Center italiano e, nel 2006, Apple Premium Reseller. Poi qualcosa è cambiato. Da realtà milanese, il marchio [email protected] si è propagato verso Torino, in occasione dei Giochi invernali del 2006, e [email protected] è diventato sinonimo di passione, competenza e professionalità Mac per il Nordovest.

Nella “sala dei corsi” nel negozio di Milano ieri sera è successo qualcosa di magico: un normale file MP3, come quello che tutti abbiamo nel nostro Mac, grazie al sistema di AVS si trasforma e diventa qualcosa di nuovo, di unico. È difficile rendere a parole ciò che le nostre orecchie hanno percepito ieri sera: il sistema AVS 3D VR crea una sorta di sfera sonora virtuale in cui è il suono stesso a prendere corpo.

Dalle più avanzate ricerche in psicoacustica del dott. Gubert Finsterle é nato il nuovo software per Mac AVS 3D VR capace di rendere in 3D ogni registrazione a due canali senza alcun artefatto digitale e portando la definizione del suono a livello di un superaudioCD. Installando questo software in un Mac (Intel Duo), lo si trasforma in un preamplificatore Hi-End, dotato di equalizzatori parametrici per ogni canale, senza che si verifichi alcun peggioramento del dettaglio, della dinamica e della scena sonora, che può sostituire senza compromessi nella qualità sia i lettori CD/DVD che i preamplificatori di un sistema stereo/surround. Una volta collegate le casse al sistema (noi abbiamo testato il sistema AVS con 4 diffusori), comodamente seduti sul proprio divano, è possibile lasciarsi cullare dalla qualità del suono.

Per capirci: grazie alla tecnologia di AVS si ascoltano i files MP3 come mai prima e ciò avviene anche con i film. Ascoltando una canzone dei “Dire Straits” sembrava quasi di assistere a un loro concerto; durante la riproduzione di un brano tratto da una registrazione di un’opera di Rossini si percepivano benissimo le parole (quando mai capita a un orecchio non allenato?). Per non parlare di come abbiamo gustato i trailer di film in HD.

Una qualità senza compromessi a un prezzo davvero piccolo rispetto a quanto il mercato propone: non abbiamo più scuse ora per “non fare suonare il nostro Mac come si deve”. Per maggiori informazioni tecniche vi rimandiamo al sito di AVS; se invece volete una dimostrazione dal vivo, vi consigliamo di andare a trovare i ragazzi di [email protected] in uno dei punti vendita: sapranno consigliarvi nella maniera adeguata sia riguardo al sistema AVS, sia riguardo all’acquisto di nuovi prodotti Apple.

Ringraziamo [email protected], e in particolare Fabrizio, per la gentile accoglienza e Andrea Von Salis per la preziosa dimostrazione.