When in Rome: guida “non turistica” di Roma

di Michele Baratelli 11

Nome: When in Rome 1.0
Categoria: Viaggi – Licenza: 1.59 Euro
Data di rilascio: 23/11/2008 – Piattaforma: iPhone – iPod touch

Vi sarà capitato di trovarvi, sia per lavoro che per diletto, in una città che non conoscete e di andare a cena dove capita, facendovi guidare dall’intuito o dall’insegna luminosa di un locale. Niente di male, ma spesso il rischio è quello di non rimanere pienamente soddisfatti, sempre in base al classico rapporto “qualità/prezzo“. Proprio per questo motivo, se si conosce qualcuno, si chiede sempre qualche informazione su “dove andare a mangiare un buon piatto di spaghetti” oppure dove si possono trovare i cornetti caldi durante la nottata. When in Rome per iPhone e iPod touch è proprio questo: una raccolta di consigli, rivolti ad un pubblico italiano e non, da due romani d’eccezione.

When in Rome per iPhone e iPod touch è prodotto da due simpatici amici di TAL che, credo, ormai tutti conosciate: stiamo parlando di Federico e Andrea, gli ideatori di English From Fear e di English From Fear Pro, che avete conosciuto insieme a noi in questa intervista. L’idea di una guida “non turistica” per i turisti è un’ottima idea: a tutti piacerebbe passare delle giornate a Roma frequentando locali e negozi poco turistici, accompagnati da amici del luogo. Vediamo se la realizzazione è all’altezza dell’idea.

Abbiamo scelto di presentarvi le immagini delle categorie e non dei locali per non fare pubblicità a una attività piuttosto che a un’altra. L’interfaccia di When in Rome per iPhone e iPod touch è immediata e ciò permette una consultazione rapida a chiunque: inoltre non è necessaria la connessione dati mobile perché tutti i riferimenti sono contenuti all’interno dell’applicazione stessa. Quasi cento posti, magari alcuni sconosciuti ai romani stessi, scelti da Andrea e Federico che a Roma sono nati e vivono attualmente.

Sia che abbiate voglia di un cornetto caldo durante la notte, oppure della classica pizza bianca romana, When in Rome saprà consigliarvi dove andare. Per ogni locale è fornito, naturalmente, l’indirizzo e il numero di telefono e, se disponibile, anche il sito Web. Cliccando sull’indirizzo, Maps mostrerà l’esatta ubicazione (qui è necessaria la connessione dati).

When in Rome è dunque un’idea molto carina e ben sviluppata: una vera alternativa alle più blasonate guide turistiche che segnalano percorsi gastronomici “standard”. Se il desiderio è quello di vivere Roma intensamente, sebbene per pochi giorni, When in Rome è un acquisto più che indicato: con un prezzo di 1.59 Euro non offrite nemmeno il “classico caffè di ringraziamento” ai due programmatori. Ci auguriamo inoltre che When in Rome possa essere la prima di una serie di guide “non turistiche”: questo crediamo sia un ottimo modo per vivere intensamente le città che non conosciamo.

When in Rome è disponibile nell’ App Store di Apple nella categoria “Viaggial prezzo di 1.59 Euro

Oltre ai “dovuti complimenti”, ringraziamo calorosamente Andrea e Federico.

  • unz

    ottima iniziativa! Bravi!
    Ps – finalmente avete fatto l’interfaccia mobile per iPhone, prima dell’aggiornamento alla 2.2 era un crash continuo :D

  • plvdac1

    Bella applicazione davvero!
    Leggo molto il vostro blog, ma scrivo pochissimo…forse per pigrizia.
    …ma questa volta un mio intervento è d’obbligo: io “sono nato e vivo a Catania” (parafrasando l’articolo) e mi piacerebbe realizzare una guida “non turistica” nello stesso stile di quella proposta includendo, magari, non solo Catania ma le maggiori città della Sicilia. Purtroppo io non sono in grado di programmare in sdk però potrò fornirvi tutto l’appoggio di cui avete bisogno per produrre la nuova guida. Sono dalla vostra…fatemi sapere se l’idea vi garba.

    Marco

  • Si, anche a me piacerebbe creare una guida del genere ma non ho un mac.
    Mi propongo per Reggio Calabria e Provincia.

  • Ringraziamo di cuore Michele per la bella recensione (se capiti a Roma ti portiamo dal quagliaro – quello che ci possiamo permettere con gli attuali proventi delle nostre app! se invece ti porteremo all’Hosteria del pesce capirai che le cose sono andate meglio).

    Per chi volesse collaborare alle “When In…”, la nostra mail è [email protected], parliamone ;-)

  • GmaX

    Acquistata! Sarò a Roma la prossima settimana e proverò, intanto i due caffè ai due tipi li ho offerti! Bello lo slideshow con le foto di Roma.

  • laddantel

    complimentiii!!! clap clap clap!

  • Pingback: When in Rome: guida “non turistica” di Roma | RSS Giornale()

  • Franco

    Bello, ma manca di una opzione fondamentale che hanno altri programmi del genere per iPhone come AroundMe: l’uso della posizione attuale GPS per determinare i locali più vicini a dove ci troviamo. Spero che Andrea e Federico la aggiungano al più presto.

  • @ Franco:

    Ci avevamo pensato e probabilmente la aggiungeremo, ma la logica di When In Rome è esattamente l’opposto: so già quale prodotto voglio e la guida mi dice dov’è il migliore e come arrivarci. Al contrario, i programmi basati su GPS mi danno diverse alternative per lo stesso prodotto e sta a me sceglierne una (spesso alla cieca).

    Ciò non toglie che la funzionalità potrebbe essere ugualmente utile: se ho voglia di arancini e scopro che sono lontanissimi mentre nei paraggi trovo i supplì magari cambio idea ;-)

  • Pingback: Nimbuzz: nuovo modo di chattare touch - TheAppleLounge()

  • Massimo

    Purtroppo, anche se forse é una buona iniziativa, si puó scaricare solo se l’utente ha il conto nell’App store italiano … quindi solo i residenti in italia possono usarla.
    App Store non ti lascia registrarti in un paese se non hai un indirizzo ed una carta di credito di quel paese.
    Quindi anche se uno straniero va in italia, non potrá scaricarla, perchee il suo conto di App Store é altrove.
    Il programmatore deve parlare con Apple e specificare se vuole che la sua App sia pubblicata negli altri paesi.
    Questo é un classico caso cuando i programmatori hanno una buona idea ma non sanno come venderla …
    peccato, perchee forse quelli piú interessati a comprare quest’app sono propio i turisti :)