Rec&Play: iPhone diventa un campionatore di suoni

di Michele Baratelli 1

Nome: Rec&Play 1.o
Categoria: Musica – Licenza: 0.79 Euro
Data di rilascio: 19/02/2009 – Piattaforma: iPhone – iPod touch 2G

TAL da tempo si occupa dell’aspetto professionale del rapporto tra musica e Mac grazie al prezioso aiuto di Carlo Ballantini: non bisogna però dimenticarsi che l’universo degli utenti Apple è formato anche da persone che dei vari aspetti tecnici della musica sono totalmente all’oscuro e desiderano un approccio “soft” quanto divertente. Per i fortunati possessori di iPhone e iPod touch 2G è arrivata oggi su App Store una curiosa applicazione nata dall’estro e dalla simpatia di Federico e Andrea che abbiamo imparato a conoscere sin dai tempi del primo English From Fear.

Su App Store è approdata l’applicazione Rec&Play per iPhone e iPod touch 2G in grado di trasformare il device di mamma Apple in un campionatore di suoni che è poi possibile riprodurre utilizzando l’interfaccia: una tastiera musicale. Scopriamo insieme dettagli e retroscena.

Rec&Play per iPhone e iPod touch 2G permette di registrare un suono (il campionamento è di qualità perché avviene a 16 bit 44.1 kHz) per poi riprodurlo utilizzando la tastiera: tramite questa interfaccia il suono può essere modificato fino a 5 ottave con una polifonia a 14 voci. Rec&Play è uno strumento che ci ha incuriosito perché permette un approccio gradevole anche a chi è a digiuno di musica; chi invece è più esperto, potrà apprezzare l’aspetto più tecnico dell’applicazione.

Abbiamo chiesto a Federico qualche “retroscena” su Rec&Play e ci ha detto che “l’idea è nata ripensando a una tastierina casio che avevo molti anni fa, la sk-1. Questa tastiera aveva una funzione di campionatore molto semplice ma davvero divertente.

Il problema di questo tipo di applicazione è l’elaborazione: “si fa a colpi di trasformate di fourier” e l’iphone non è esattamente un mostro di velocità, non almeno quanto servirebbe per farla in quasi-tempo-reale. Infatti, sul simulatore andava bene, ma sul device era un disastro (mai fidarsi del simulatore, testare subito sul device!)

Altre applicazioni simili “fanno i compiti” pre-calcolando e salvando tutti i campionamenti (e ci mettono cinque minuti!), ma, possono farlo perché hanno solo due ottave (=28 note diverse da calcolare). Noi ne abbiamo cinque e quindi ci metteremmo un quarto d’ora: assolutamente inaccettabile. Rec&Play, invece, utilizza per tale scopo un cambio di pitch“.

Ci siamo divertiti ad utilizzare Rec&Play con l’iPhone redazionale: l’applicazione funziona bene e il “cambio di suono emesso” è istantaneo e corrispondente alle nostre attese. La mancanza che più ci ha colpito è la possibilità di salvare i suoni registrati: Federico e Andrea hanno già pronto l’aggiornamento che implementerà anche questa funzione.

Rec&Play è disponibile nell’ App Store di Apple nella categoria “Musica” al prezzo di 0.79 Euro.

Complimenti e Ringraziamenti a Federico e Andrea.

  • mirkojax

    comprata!