8 alternative a WhatsApp su iPhone




L’acquisizione di Whatsapp da parte di Facebook per 16 miliardi di dollari (più altri 3 miliardi di RSU) non è piaciuta a tutti. Fra i tanti commenti positivi ci sono anche quelli degli utenti preoccupati per la propria privacy.
Con WhatsApp, del resto, Facebook ha acquisito un accesso diretto al numero di telefono e alla rubrica di 450 milioni di utenti globali. Chi non è presente su Facebook e non vuole orbitare in alcun modo nell’universo Facebook sarà necessariamente spinto a trovare una soluzione differente per inviare messaggi gratuitamente dal proprio iPhone.
Per tutti coloro che non si fidano di Facebook (o per qualsiasi altra ragione non vogliono più utilizzare WhatsApp) abbiamo raccolto sette app di messaggistica alternative e gratuite disponibili da subito su iOS, analizzando per ciascuna pregi e difetti.


bybyewhatsapp

iMessage

Disponibile per: iOS, OS X (integrato)

La prima soluzione alternativa a WhatsApp su iPhone e iPad è quella che probabilmente state già usando quotidianamente, iMessage.
Il servizio di messaggistica gratuita di Apple ha il grande vantaggio di una perfetta integrazione con iOS, e l’enorme svantaggio della disponibilità limitata ai soli dispositivi Apple (iPhone, iPad e Mac).
Un servizio di messaggistica, per soddisfare davvero le necessità degli utenti, deve essere multipiattaforma, non ci sono davvero se o ma che tengano.


Viber

Disponibile per: iOSOS X, Android, Windows Phone 8, Blackberry, Linux, Windows

Viber è nato come servizio VoIP alternativo a Skype e come tale si è diffuso, tanto che in molti, ancora oggi, ignorano del tutto la funzione di messaggistica ad esso connessa.

viber

Il servizio è stato acquisito da poco dalla giapponese Rakuten (per una cifra più “umana”, ovvero 900 milioni di dollari) ed ha ora di fronte a sé un’ottima occasione per accrescere ancora il proprio ampio bacino d’utenza (200 milioni di utenti fra Desktop e Mobile).
La copertura delle maggiori piattaforme mobili è buona e l’integrazione con il servizio VoIP è un punto di forza dell’app.


Blackberry Messenger

Disponibile per: iPhoneAndroid, Blackberry (varie versioni)

Da sempre un punto di forza esclusivo dei dispositivi di RIM, Blackberry Messenger è disponibile da qualche mese anche sulle principali piattaforme concorrenti, vale a dire iOS e Android, con tutte le caratteristiche disponibili su Blackberry (canali, messaggi vocali ecc…).

La scelta di aprire un servizio così “prezioso” agli utenti di altri brand è stata dettata certamente dalla situazione disastrosa in cui versa il produttore canadese.

bbm

Quali che siano le ragioni, la decisione si è rivelata azzeccata (magari pure in vista di una possibile acquisizione) e ora Blackberry Messenger si pone come valida alternativa agli altri servizi analoghi presenti su iPhone e dispositivi Android.
L’assenza della disponibilità per altre piattaforme (nello specifico Windows Phone e altri sistemi OS Nokia) rimane per adesso un limite rispetto alla concorrenza.




WeChat

Disponibile per: iPhoneAndroid, Blackberry, Nokia S40 e Symbian, Windows Phone 8, Desktop (client web)

Nata originariamente in Cina come Weixin e successivamente “occidentalizzata” in WeChat, l’applicazione di Tencent Holdings è sicuramente il concorrente più diretto di WhatsApp per impostazione e caratteristiche, anche se WeChat fa propri certi tratti tipici dei social network.

wecaht

La casa madre sta spingendo (e spendendo) molto per favorire la diffusione del servizio a livello globale e sta ottenendo buoni risultati, come il superamento della soglia dei cento milioni di utenti a metà del 2013.

WeChat facilita lo scambio di messaggi (di testo, vocali) e di foto, la creazione di chat di gruppo e offre anche la possibilità di videochiamare i propri contatti.
L’integrazione con Facebook è prevista, ma non obbligatoria per la registrazione.
Quest’applicazione è l’alternativa giusta per chi cerca qualcosa che assomigli a Whatsapp il più possibile.


Skype

Disponibile per: iPhone e iPadAndroid, Windows Phone, Blackberry, Mac, Linux, PC

Fra tutte le alternative di questa lista Skype è la più “stagionata” e conosciuta e quella che offre il maggior numero di utenti. Nato come servizio di telefonia VoIP, Skype è stato acquisito nel 2011 da Microsoft, che lo soffiò a Google e Facebook.

skype

Skype rimane sinonimo di chiamate a basso costo o gratuite, ma nulla vieta di utilizzare l’applicazione a fini di messaggistica.
L’ultima versione dell’app per iOS ha migliorato proprio la gestione delle chat, introducendo per altro la possibilità di ricevere notifiche dei messaggi anche quando l’applicazione è chiusa e non si è collegati.

Il problema principale sta tutte nella “discovery” degli altri utenti su piattaforma mobile, perché la lista contatti si basa su nickname univoci che spesso non sono collegati ad un numero di telefono.


Kik Messenger

Anche Kik Messenger, come WeChat, si inserisce sulla scia di Whatsapp. Le caratteristiche di base sono quelle di altre applicazione di questa categoria, con un in più alcune “trovate” che facilitano la condivisione di contenuti, come il browser integrato. L’applicazione non è particolarmente ricca di features rispetto alla concorrenza, ma punta tutto su una relativa semplicità.

kik

Gli utenti sono identificati sulla base del nome utente e non del numero di telefono. Ottima notizia per chi tiene alla propria privacy, un po’ meno per chi preferisce la semplicità del reperimento dei contatti nella propria rubrica in maniera automatica come su Whatsapp.

Disponibile per: iOS, Android, Windows Phone 8, Blackberry


Tango

Tango è una via di mezzo fra un servizio di messaggistica e un social network. Fra le funzionalità dell’applicazione spiccano, oltre alle chat tradizionali, la possibilità di inviare messaggi vocali e di procedere alla “scoperta” di nuovi amici anche al di fuori delle proprie cerchie ristrette. Prevista anche in questo caso la possibilità di creare stanze per chat di gruppo e la condivisione di foto.

tango

E’ un alternativa a WhatsApp solo fino ad un certo punto, vista la gran quantità di “fronzoli” aggiuntivi. Interessante in ogni caso la possibilità di inviare messaggi musicali grazie all’integrazione con Spotify.

Disponibile per: iOS, Android, Windows Phone, Blackberry


Line

Da una prima versione di questo articolo era rimasto colpevolmente esclusa Line, come ci hanno fatto giustamente notare i lettori Caribba e Carlo nei commenti. Line vanta 360 milioni di utenti nel mondo e offre tutte le funzionalità di base richieste da un’applicazione di messaggistica, più una buona serie di features extra, quali ad esempio la possibilità di effettuare chiamate vocali e di inviare mini-video (piccoli filmati a cui si può aggiungere una colonna sonora). Molto buono il supporto multi-piattaforma.

line

Disponibile per: iPhone, Android, Windows Phone, Nokia Asha, Blackberry, Firefox OS, OS X, PC Windows e Windows 8.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>