Almost Impossible!, the next big game?

di Andrea Corsi Commenta

Almost Impossible! è nato senza molti preamboli, senza anticipazioni o campagne pre-lancio, ma in molti lo hanno subito notato. Dotato di una grafica semplice, ma curata, musica ed effetti sonori ben calibrati e un gameplay che dà assuefazione. Sarà il "prossimo Angry Birds"?

È uscito da soli due giorni, ma se ne fa già un gran parlare: mi riferisco al gioco Almost Impossible!, sviluppato da Dan Counsell, nome stranoto nella community Apple per aver dato vita ad app come Clear, Embed, Typed e RapidWeaver con la sua software house Realmac.

image

Il gioco, osannato dalla critica, è disponibile per tutte le piattaforme dell’ecosistema Apple, compresa la nascente tvOS, di cui è dotata la nuova Apple TV 4, disponibile da ieri anche in Italia.

image

Il gameplay è molto semplice e consiste nel far superare ostacoli, anche apparentemente innocui al personaggio, una pallina bianca antropomorfa. Ogni urto con tali oggetti, determinerà l’immediata disgregazione dell’essere in piccole particelle.
Del gioco colpiscono innanzitutto la grafica, semplice, essenziale, ma al contempo molto curata, e la colonna sonora e gli effetti sonori, vere e proprie gemme del gioco.

image

I comandi sono solamente tap: un tap a destra per andare avanti, un tap a sinistra per andare indietro. L’interfaccia è snella e il menù consente essenzialemente di fare 3 cose: vedere i risutati Game Center, votare l’app su App Store o vedere la guida. Fortunatamente la partita viene salvata automaticamente al passaggio dei vari checkpoint e può essere ripresa da lì in poi, anziché ricominciare sempre da capo.

image

Tramite acquisti In-app è possibile andare avanti (Skip) nei punti in cui si rimane bloccati. Io (che sono una frana in questi giorni) non riesco ad andare oltre a un punto nel primo livello, dove inevitabilemente incappo nel terribile quadrato rotante centrale, che inevitabilmente mi manda sempre in frantumi.

image

Ciò di cui uno immediatamente si accorge è la qualità generale dell’app. Questa, unita a livelli che si configurano in alcuni casi come veri e propri rompicapo, alla modalità – apparentemente – “casual” del gioco e all’assuefazione che in pieno stile Flappy Bird può dare, esprime il pieno potenziale dell’app. Che possa essere il nuovo Angry Birds?

Almost Impossible! può essere scaricato a 1,99€ su App Store per iPhone, iPad e Apple TV e a 3,99€ su Mac App Store per Mac.