Foxconn: ABC Nightline, il teatrino per la FLA e il documentario italiano

 
Camillo Miller
23 febbraio 2012
3 commenti

billweiripadfoxconn 300x168 Foxconn: ABC Nightline, il teatrino per la FLA e il documentario italianoMartedì scorso il programma di approfondimento giornalistico Nightline ha mandato in onda su ABC il primo video-reportage autorizzato sulle condizioni di lavoro alla Foxconn. In 18 minuti l’inchiesta di Bill Weir non ha mostrato nulla che già non avessimo appreso precedentemente da altre fonti, ma ha il merito di aver fornito immagini che per la prima volta documentano ciò che realmente avviene all’interno di una catena di montaggio in cui lavorano migliaia di persone contemporaneamente. Un ambiente che fino ad ora abbiamo solo potuto immaginare.
Nel frattempo continuano le ispezioni della FLA, mentre un associazione indipendente denuncia la presunta messinscena di Foxconn, che avrebbe provveduto ad “edulcorare” vari aspetti dell’ambiente di lavoro e a nascondere i lavoratori più giovani che non potrebbero fare gli straordinari.
L’interesse verso l’argomento ha in ogni caso il merito di aver riportato in auge un interessante documentario italiano sulla Foxconn girato nel 2010, mentre il monologhista Mike Daisey ha pubblicato con licenza Creative Commons il suo ormai famoso monologo sull’argomento.

Nightline alla Foxconn

Era la prima volta che una telecamera entrava in quelle segrete stanze a documentare il lavoro delle centinaia di migliaia di lavoratori cinesi che ogni giorno assemblano i gadget Apple (e di molti altri marchi). Quel che si vede nell’inchiesta di Bill Weir non è troppo distante da quanto potevamo immaginare, ma l’impatto visivo reale è comunque impressionante. Linee sterminate di lavoratori che in un ambiente, c’è da dirlo, asettico e controllatissimo, assemblano, limano, avvitano, controllano, montano e infine impacchettano. Di seguito una versione completa del servizio disponibile su YouTube (salvo rimozione da parte di ABC):

Interessanti i numeri che l’inchiesta contribuisce a mettere in evidenza, assemblati (è il caso di dirlo) da The Verge:

  • Ci vogliono 141 passagi per fare un iPhone, quasi tutti richiedono un intervento manuale.
  • Ci vogliono 5 giorni e 325 mani per assemblare un iPad
  • Foxconn produce 300mila moduli di fotocamera per iPad al giorno
  • Un pasto alla Foxconn costa 70 centesimi di dollaro e lavorano in turni di 12 pre con due ore di pausa.
  • Chi vive in un dormitorio condivide la stanza con sei o otto coinquilini e paga 17,50$ al mese d’affitto.
  • La paga oraria attuale è di 1,78$
  • Apple ha pagato 250.000 dollari per aderire alla FLA e sta pagando a parte per le ispezioni attualmente in corso

Il teatrino per la FLA

Mentre Bill Weir girava per Shenzhen con la sua troupe, a “Foxconn-City” erano presenti anche gli ispettori di Fair Labor Association, che lì e a Chengdu stanno ancora conducendo un’approfondita ispezione degli stabilimenti.
La SACOM (Students & Scholars Against Corporate Misbehavior), un’associazione no-profit locale per la difesa dei diritti dei lavoratori, sostiene che Foxconn sapesse già dell’ispezione in arrivo e ha deliberatamente nascosto alcuni lavoratori troppo giovani, fra i 16 e 18 anni, che sebbene rientrino già nell’età legale lavorativa secondo le leggi locali, non potrebbero comunque sostenere turni di 12 ore come i loro colleghi maggiorenni.
In più, sostiene sempre SACOM, Foxconn avrebbe concesso ai dipendenti un numero maggiore di pause rispetto a quelle che solitamente vengono consentite durante il turno.

foxconn worker Foxconn: ABC Nightline, il teatrino per la FLA e il documentario italiano

Sono critiche importanti, anche se c’è da dire che Auret Van Heerden, il presidente della FLA, aveva subito messo le mani avanti, all’avvio dell’ispezione e rivelato proprio a Bill Weir che l’Associazione si aspetta questo tipo di comportamenti da parte delle aziende ispezionate. Gli stabilimenti sono talmente grandi che anche se Foxconn non sapesse nulla in anticipo avrebbe modo di far sparire le anomalie (soprattutto lavoratori troppo giovani) nel tempo gli ispettori impiegano ad arrivare dai cancelli alla linea di produzione.
Ma non è un problema, sempre secondo Van Herdeen, perché i controlli della FLA non sono superficiali e non si limitano a ciò che le aziende vogliono mostrare. A riprova di quanto sostenuto, Van Herdeen ha rivelato a Bloomberg che gli ispettori hanno già trovato moltissime irregolarità: “Credo che ci saranno importanti annunci al riguardo in un prossimo futuro”.
IL presidente di FLA non ha elaborato ulteriormente sulla sua affermazione, ma marzo è vicino e sicuramente potremo leggere di più sulla faccenda direttamente nel report conclusivo della FLA.

Mike Daisey e Dreamwork China

Il regista teatrale e monologhista Mike Daisey si occupa di Foxconn e delle condizioni dei lavoratori già da tempo. Le sue visite a Shenzhen e ciò che ha visto a Foxconn City lo hanno spinto, già due anni fa, a realizzare un monologo di successo intitolato “The Agony and The Ecstasy of Steve Jobs”. E’ un’opera interessante che ha il merito di aver portato all’attenzione pubblica il problema delle condizioni dei lavoratori che producono iPhone e iPad molto prima dell’interessamento da parte dei giganti dell’informazione.
Ora Daisey, per continuare a far sentire la propria voce sopra il gran clamore generato dalla tempesta mediatica in corso in questi giorni, ha preso una decisione con pochi precedenti nel suo settore: ha realizzato uno script del suo monologo e ha scelto di diffonderlo con una licenza Creative Commons per permettere a tutti coloro che glielo chiedevano di mettere in scena a loro volta il suo monologo. Lo script è disponibile in PDF ed è una lettura vivamente consigliata.

L’attenzione mediatica di questi giorni ha infine il merito di averci fatto riscoprire Dreamwork China, un interessante documentario girato da due italiani, Tommaso Facchin e Ivan Franceschini, fra la fine del 2010 e l’inizio del 2011.
Ce lo segnala Bruno Ruffilli su La Stampa:

“Il reportage, realizzato in maniera del tutto indipendente, è molto crudo, eppure ha una dimensione artistica: talvolta sembra citare i lavori di Philip Glass e Godfrey Reggio, come nelle raggelanti inquadrature dei casermoni dove vivono gli operai. E centra anche un punto importante ma spesso trascurato, quando ricorda che negli stabilimenti Foxconn e in quelli del Delta del Fiume delle Perle vengono assemblati i prodotti di Apple, ma anche Microsoft, Hp, Dell, Nokia, Sony Ericsson e molti altri.”

Anche in questo caso visione consigliata: Dreamwork China. Di seguito un breve estratto del documentario.

Vuoi rimanere aggiornato tramite email su questo argomento?
Iscriviti alla nostra newletter, è gratis e veloce!

Categorie: News
Tags: , ,
Articoli Correlati
YARPP
Video: uno sguardo alla nuova fabbrica Foxconn di Zengshou

Video: uno sguardo alla nuova fabbrica Foxconn di Zengshou

Per anni le linee produttive Foxconn da cui escono i prodotti Apple, iPhone e iPad in primis, sono rimaste off-limits e la possibilità di vederle, anche solo in video, o […]

Apple e Foxconn si spartiranno i costi per il miglioramento delle condizioni dei lavoratori cinesi

Apple e Foxconn si spartiranno i costi per il miglioramento delle condizioni dei lavoratori cinesi

Le polemiche sullo sfruttamento da parte di Foxconn dei lavoratori cinesi che assemblano i prodotti Apple sono andate attenuandosi con il passare delle settimane. L’impegno di Apple nell’affrontare la questione […]

ABC Nightline entra alla Foxconn per un reportage senza precedenti

ABC Nightline entra alla Foxconn per un reportage senza precedenti

Questa sera sul canale americano ABC andrà in onda una puntata speciale di Nightline dedicata alla produzione degli iPhone e degli altri prodotti Apple presso gli stabilimenti Foxconn di Chengdu […]

Fair Labor Association avvia le ispezioni alla Foxconn

Fair Labor Association avvia le ispezioni alla Foxconn

Apple ha risposto pubblicamente alle inchieste del New York Times sulle condizioni dei lavoratori cinesi che producono iPhone ed iPad e l’ha fatto annunciando, con un comunicato diffuso pochi minuti […]

Abusi e sfruttamento, Foxconn nega

Abusi e sfruttamento, Foxconn nega

Il produttore elettronico taiwanese Foxconn, fornitore di Apple, Dell, Hp e altre grandi aziende è di nuovo al centro dell’attenzione dopo la pubblicazione da parte dei media cinesi e occidentali […]

Lista Commenti
  • roro_ch

    Il recente video mostra molto bene che questo tipo di aziende nom hanno solo punti negativi… Mostra anche come i valori per i cinesi siano parecchio dissociati dai nostri.
    Mi sembra interessante notare come in fondo anche Europa e America sono già passate da queste situazioni lavorative… Credo, ma sarebbe interessante essere sostenuti da uno storico, che queste siano normali tappe dell’evoluzione industriale, ma noi ci siamo già dimenticati si questa parte della storia, non ci siamo stati. Insomma, lo stesso discorso che si potrebbe fare per la primavera araba… Dubito che le rivolte contro i monarchi fossero meno cruente… I media aiutano moltissimo a mostrare queste realtà, che forse è necessario che ci siano per una corretta evoluzione del sistema stato. Un giorno i cinesi si rivolteranno in massa al sistema, metteranno un governo davvero democratico, i sindacati metteranno sotto torchio i datori di lavoro… I prezzi saliranno e forse in 70 anni il nuovo paese emergente sarà l’Africa (con tutti i limiti geo-climatici del caso).

  • roro_ch

    Ehm la scrittura veloce con iPhone porta qualche errore, scusate…

  • manublade

    Per lavoro ho fatto e subito parecchie ispezioni.

    Alcune (la maggior parte) sono programmate, ti dicono già cosa vogliono vedere.

    Altre, esempio FDA, ti dicono solo che arrivano e poi al momento fanno le domande e le richieste, una alla volta e interrogano a caso il personale.

    In entrambi i casi ci si prepara.

    Quando arrivano i carabinieri/finanza con i mitra in mano la cosa è leggermente diversa :-)

  • Pingback: Il teatro, il giornalismo e la miseria della professione | LSDI