Alternative all’iPhone 8: smartphone cinese, come sceglierlo

di Gio Tuzzi 2

Studiamo alternative all'iPhone 8 sempre più aggressive in nome dello smartphone cinese, visto che ora possiamo consigliarvi come sceglierlo in Italia

L’offerta di smartphone cinesi disponibile sul mercato italiano è oggi molto ampia e variegata, in alternativa all’iPhone 8. Per poter avere la certezza di fare un buon acquisto è però bene verificare alcuni punti fondamentali per la qualità di uno smartphone, evitando di considerare esclusivamente il prezzo. Buona parte dei prodotti cinesi infatti ha un ottimo rapporto qualità/prezzo, ma a volte sono carenti sotto alcuni punti di vista.

Cosa controllare prima dell’acquisto

Il primo passo per trovare un buon prodotto di origine cinese consiste nel sapere cosa stiamo comprando. Spesso chi non è addentro alla questione tende a guardare il telefono, fisicamente, per capire se è robusto e gradevole alla vista. Oltre a questo si tende a pretendere solo alcune peculiarità, come ad esempio la capacità della memoria interna, la RAM o le dimensioni del display. Le caratteristiche fondamentali di uno smartphone sono però molte altre, alcune delle quali ci permettono di usare senza problemi il dispositivo in diverse situazioni, senza alcun tipo di problema. Questo tipo di analisi si deve fare quando si acquista qualsiasi tipo di smartphone, non solo quelli prodotti in Cina.

Le caratteristiche di un buon smartphone

Com’è fatto uno smartphone di buona qualità? Che caratteristiche deve avere? Molto dipende dalle esigenze dell’utilizzatore, visto che l’offerta è decisamente ampia, ce n’è per tutti i gusti e i desideri. In linea generale comunque è importante verificare che il telefono supporti le bande di frequenza usate dalle compagnie telefoniche in Italia: alcuni prodotti cinesi, ad esempio, non supportano la rete 4G, indicata a volte come Banda20 o B20. Altri marchi invece non hanno garanzie identiche a quelle disponibili per i telefoni comunemente venduti in Italia; in questi casi è importante acquistare il dispositivo in negozi che si occupino anche dell’assistenza tecnica e della parte che riguarda la garanzia del prodotto.

Caratteristiche tecniche

Tra le peculiarità tecniche che più interessano al grande pubblico si può annoverare certamente la qualità del display del telefono; a volte un monitor non eccessivamente grande è tanto nitido e pulito da essere molto meglio leggibile rispetto ad un display “enorme”. Conviene quindi verificare che il telefono abbia un display di buona qualità, HD, Full HD o con risoluzione ancora maggiore. Inoltre è importante che non si tratti di un display eccessivamente grande: sopra i 5,5 pollici le dimensioni cominciano ad essere complicate da gestire, soprattutto per chi non ha mani molto grandi. Conviene anche verificare il tipo di processore disponibile, controllando che non sia decisamente troppo “antiquato”, mentre la Ram dovrà essere almeno di 2 GB, come parametro minimo. Un’altra caratteristica importante riguarda il sistema operativo; anche se la maggior parte dei dispositivi di origine cinese funzionano con il sistema Android, è anche vero che quasi tutti ne possiedono una versione “riveduta e corretta”, con un’interfaccia appositamente studiato. In alcuni casi la lingua preimpostata non è l’italiano, conviene accendere il dispositivo direttamente in negozio per verificare questa caratteristica.

I prodotti migliori

Dopo aver scremato i dispositivi di qualità medio bassa ci si trova comunque on un buon numero di smartphone tra cui scegliere. I marchi più noti sono Xiaomi, OnePlus e Huawei, ma in effetti le case produttrici di smartphone di origine cinese oggi disponibili sul mercato italiano sono molte altre. In linea generale i prodotti offerti sono di buona qualità, con in più la possibilità di fare acquisti con cifre contenute, anche inferiori ai 150 euro. Certo, non ci si devono fare grosse illusioni: anche con un rapporto qualità/prezzo molto elevato, i prodotti a basso costo rimangono quelli meno performanti e più antiquati. Per chi vuole un telefono ottimo conviene quindi orientarsi verso prodotti dal costo superiore ai 300 euro.

  • sagex

    Praticamente si passerebbe ad Android, però. Giusto?

    • Janko

      obvious